:: Pagina iniziale | Autenticati | Registrati | Tutti gli autori | Biografie | Ricerca | Altri siti ::  :: Chi siamo | Contatti ::
:: Poesia | Aforismi | Prosa/Narrativa | Pensieri | Articoli | Saggi | Eventi | Autori proposti | 4 mani  ::
:: Poesia della settimana | Recensioni | Interviste | Libri liberi [eBook] | I libri vagabondi [book crossing] ::  :: Commenti dei lettori ::
🖋 Roma: La vita nascosta (02/12/2022) e Il giardino di Sophia (05/12/2022)
 

Ogni lettore, quando legge, legge se stesso. L'opera dello scrittore è soltanto una specie di strumento ottico che egli offre al lettore per permettergli di discernere quello che, senza libro, non avrebbe forse visto in se stesso. (da "Il tempo ritrovato" - Marcel Proust)

Sei nella sezione Poesia_settimanale
gli ultimi 15 titoli pubblicati in questa sezione
gestisci le tue pubblicazioni »

Pagina aperta 290 volte, esclusa la tua visita
Ultima visita il Tue Nov 29 00:53:02 UTC+0100 2022
Moderatore »
se ti autentichi puoi inserire un segnalibro in questa pagina

D’amore e d’altri inciampi - inediti


Testo proposto da LaRecherche.it

« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 0 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »




Pubblicato il 07/02/2022 12:00:00

 

Non indagare

     questo giorno rappreso fra le ciglia

è un semplice fumetto

     di cataplasmi resi al chiaroluna

Com’è lontano

     ciò che pare amore

da qui – garbuglio di parole –

     dove l’azzurro è cricca di comete

Non tu nemmeno noi

     sconfiggeremo l’alba dei lamenti

e lo spettro di vertigini assolate

     mentre il respiro

intorbida l’acquario

     Non tu nemmeno noi

solleveremo franginoie e barriere

     al flusso che scompiglia ogni profilo

È troppo tardi per scalare il mare

     per sventolare arpioni dalle cime

di queste nebbie

     a picco sulla schiena

 

*

 

Se senti Amore

apertamente dillo

con quella levità presa dal sonno

e sia sussurro in punta di tremore

se nella finitezza della sera

s’imprime in gola

e ne risente l’aria

Senza mistero dillo

con la naturalezza dell’albore 

e con la gioia dei primi frutti

dillo

alle luci cangianti delle giostre 

ai muretti in pietrame sui confini

e alle foglie che cadono dai tigli

 

*

 

In questa estate

   greve e analfabeta

sei tu il mio moto a luogo

   l’abbraccio del dittongo

la squillante assonanza

   d’una rima

Sei il senso irrazionale

   del pi greco

l’urto della secante

   e la sezione aurea

del mio tempo

 

 

[ tre poesie inedite tratte dalla raccolta inedita D’amore e d’altri inciampi, Nicola Romano ]


« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 0 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »

 

Di seguito trovi le ultime pubblicazioni dell'autore in questa sezione (max 10)
[se vuoi leggere di più vai alla pagina personale dell'autore »]

La Redazione, nella sezione Poesia_settimanale, ha pubblicato anche:

:: Fra le camere (Pubblicato il 09/07/2022 12:00:00 - visite: 179) »

:: Il mondo sul filo (Pubblicato il 27/06/2022 12:00:00 - visite: 157) »

:: Io non posso uscire dal mio pensiero (Pubblicato il 16/05/2022 12:00:00 - visite: 249) »

:: Morte del partigiano (Pubblicato il 25/04/2022 12:00:00 - visite: 172) »

:: Quaderno croato (Pubblicato il 18/04/2022 12:00:00 - visite: 206) »

:: Autobiografia del silenzio (Pubblicato il 11/04/2022 12:00:00 - visite: 377) »

:: Quattro inediti (anticipazione) (Pubblicato il 04/04/2022 12:00:00 - visite: 536) »

:: La pace senza vincitore e senza vinti (anticipazione) (Pubblicato il 28/03/2022 12:00:00 - visite: 433) »

:: Poeti russi e ucraini (Pubblicato il 21/03/2022 12:00:00 - visite: 371) »

:: Memorie di un’avventuriera (Pubblicato il 07/03/2022 12:00:00 - visite: 234) »