Sostieni il nostro comune progetto: diventa Socio e/o fai una donazione
:: Pagina iniziale | Autenticati | Registrati | Tutti gli autori | Biografie | Ricerca | Altri siti ::  :: Chi siamo | Contatti ::
:: Poesia | Aforismi | Prosa/Narrativa | Pensieri | Articoli | Saggi | Eventi | Autori proposti | Video proposti | 4 mani  :: Posta ::
:: Poesia della settimana | Recensioni | Interviste | Libri liberi [eBook] | I libri vagabondi [book crossing] ::  :: Commenti dei lettori ::
Antologia Proust 2017: IL PROFUMO DEL TEMPO (Invito a partecipare)
Premio letterario "Il Giardino di Babuk - Proust en Italie" - III edizione (2017)
 

Collana di eBook a cura di Giuliano Brenna e Roberto Maggiani

« ultimo pubblicato prec » « suc primo pubblicato »

eBook n. 110 :: Florentia, di Roberto Mosi
LaRecherche.it [Poesia]

Invia questo eBook al tuo Kindle o a quello di un amico »

Proponi questo libro ad uno o più lettori: invia il collegamento all'eBook
http://www.larecherche.it/librolibero_ebook.asp?Id=113
Di Roberto Mosi
puoi anche leggere:

Formato PDF - 12 MByte
Scarica/apri/leggi [download] »
Aperto/scaricato 674 volte



Downloads totali: 676
Ultimo download:
28/06/2017 08:00:00
Data di pubblicazione:
30/05/2012 12:00:00
 
 

# 6 commenti a questo e-book [ scrivi il tuo commento ]

 Franca Alaimo - 04/06/2012 21:04:00 [ leggi altri commenti di Franca Alaimo » ]

La poesia di Roberto Mosi ha la bellezza senza tentennamenti dell’adesione totale e sincera alla materia cantata, che è, direi, un secolo di storia, osservato da quel luogo geografico privilegiato che è Firenze, cardine essenziale nelle vicende storico- sociali e culturali della nostra penisola, amata con lo slancio di chi vi ha trascorso un ormai lungo periodo di vita.
Roberto Mosi ama parlare dei luoghi, in questo caso la città di Firenze, in quanto in essi si stratificano eventi di cui, a volte, restano testimonianze concrete, altre volte, soltanto memorie individuali e/o collettive.
Così, sfogliando le pagine di questo bel libro, rivivono eventi e persone e gesti tratteggiati con viva sobrietà e garbo e, spesso, anche con animo commosso.
La stratificazione storica permette al poeta di creare legami reali o immaginari, come accade in quel testo originalissimo qual è Via Larga, in cui il corteo dei Magi, raffigurato in un affresco, lascia la cappella e "appare nella via", mescolandosi alla vita degli uomini a noi contemporanei, che sembrano costruire per essi un nuovo presepe di angeli, pastori, ma anche tassisti, cuochi e lavavetri ( come dire che la società è sempre caratterizzata dal divario fra potenti ed umili). A tutti i deboli, infatti, egli rivolge uno sguardo partecipe, e in particolare agli extracomunitari che vivono negli stessi luoghi ma non hanno né benessere né memorie e tuttavia costituiscono il nuovo tessuto sociale della città.
Roberto Mosi tiene così fede alla sua poetica che crede nella "poesia civile, di denuncia, di richiamo a principi" altamenti etici.
Rispetto all’edizione del 2008 che possiedo, questa appare arricchita da bellissime, esatte, ed altrettanto poetiche fotografie che rivelano un’altra qualità artistica dell’autore.

 Massimo Acciai - 04/06/2012 12:52:00 [ leggi altri commenti di Massimo Acciai » ]

Complimenti! Un caro saluto

 Mariella Bettarini - 03/06/2012 18:05:00 [ leggi altri commenti di Mariella Bettarini » ]

Carissimi Roberto (Mosi) e Roberto (Maggiani),

insieme a Gabriella (Maleti) sono davvero lieta che questo bel testo poetico,"Florentia", sia stato ri-proposto dopo la sua pubblicazione con Gazebo Libri nel 2008.
L’arricchimento delle foto (rispetto al volume "originario") è davvero un apporto notevole.
Complimenti di cuore e auguri, con un saluto affettuoso da parte di
Mariella (Bettarini)

 ly - 02/06/2012 15:31:00 [ leggi altri commenti di ly » ]

Grazie di cuore

ly

 Loredana Savelli - 31/05/2012 22:10:00 [ leggi altri commenti di Loredana Savelli » ]

Ha un fascino irresistibile la Florentia di Roberto Mosi, ma non è certo un dépliant turistico. Ben la conosce chi la descrive, persino con pignoleria, e la ama nei suoi aspetti anche inusuali, immergendosi nelle bellezze talvolta nascoste oppure sfacciate, nella mescolanza dei suoi abitanti, nella storia che, strato dopo strato, si addensa, anche con dolorose sovrapposizioni.
Ma più affascinante è l’atmosfera di certi momenti e luoghi intimi (si veda, per esempio, la poesia “D’agosto”), persino di certe periferie degradate. Stupende anche le foto, e, di nuovo, non sono cartoline.
I nomi di persona (Fosca, Delia, Marta, Paola, Maria, Rosetta, Federico, Bruno e altri) aggiungono concretezza a questo viaggio e calore a questi "appunti" di vita.
Parecchie volte lo sguardo si ferma sui non-luoghi delle stazioni, sui marciapiedi o altrove, a sottolineare, forse, la vocazione di Firenze agli incontri-scontri umani e culturali (stupenda “La stazione”). Ed anche nei luoghi più artificiali la natura fa capolino con un corbezzolo profumato (vedi pag. 60) o magari una pecora o un cormorano.

Dalla poesia “L’oro del fiume”:

“Corro incontro alla città.
Gli ultimi raggi del sole
coronano la Cupola di rosso.
Al centro cerchi di onde:
in queste acque abitano le figlie
del fiume, custodi dei nostri tesori.”

Firenze, con la sua monumentale cultura, accende di fantasia l’amante delle Lettere, dell’Arte, della Musica, del Mito, dell’Uomo. Soprattutto accende di emozione. Ma non perde la sua bellezza naturale che arriva fino al mare. Grande metafora della vita che, trascinando tutto con sé, talvolta si conclude tragicamente (vedi la poesia "La strada per il mare")

Complimenti a Roberto Mosi, il suo amore per Firenze (e per la poesia) è una cosa seria!

 costanza - 31/05/2012 09:30:00 [ leggi altri commenti di costanza » ]

evviva! un altro ebook è nato.
bravo roberto

figlia orgogliosa