:: Pagina iniziale | Autenticati | Registrati | Tutti gli autori | Biografie | Ricerca | Altri siti ::  :: Chi siamo | Contatti ::
:: Poesia | Aforismi | Prosa/Narrativa | Pensieri | Articoli | Saggi | Eventi | Autori proposti | 4 mani  ::
:: Poesia della settimana | Recensioni | Interviste | Libri liberi [eBook] | I libri vagabondi [book crossing] ::  :: Commenti dei lettori ::
🖋 Marcel ritrovato, di Giuliano Gramigna | Nuova edizione Irelfe
con una nota di Ezio Sinigaglia
 

Ogni lettore, quando legge, legge se stesso. L'opera dello scrittore soltanto una specie di strumento ottico che egli offre al lettore per permettergli di discernere quello che, senza libro, non avrebbe forse visto in se stesso. (da "Il tempo ritrovato" - Marcel Proust)

Sei nella sezione Articoli
gli ultimi 15 titoli pubblicati in questa sezione
gestisci le tue pubblicazioni »

Pagina aperta 53 volte, esclusa la tua visita
Ultima visita il Thu Nov 30 01:19:53 UTC+0100 2023
Moderatore »
se ti autentichi puoi inserire un segnalibro in questa pagina

Un secolo fa: La diga del Gleno, il disastro annunciato.

Argomento: Storia

di Glauco Ballantini
[ biografia | pagina personale | scrivi all'autore ]


[ Raccogli tutti gli articoli dell'autore in una sola pagina ]

« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 0 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »




Pubblicato il 17/11/2023 09:57:55

Condannata alla catastrofe per difetti di costruzione dovuti ai materiali di poca qualità che vennero impiegati e dalla fretta di recuperare i ritardi che si erano accumulati, la diga del Gleno fu il primo disastro legato alla costruzione di dighe in Italia.

Doveva essere una diga a gravità e diventò una diga ad archi multipli nata su una diga a gravità.

Nel 1921 l'Ing. Lombardo del Genio Civile incaricato di un controllo, eseguì un sopralluogo al cantiere constatando  con sorpresa che la tipologia costruttiva della diga a progetto, cioè a gravità (lo sbarramento che si oppone alla spinta del lago grazie al suo peso), era stato cambiata in corso d'opera in una diga ad archi multipli (struttura in grado di trasferire alle rocce di fondazione le spinte del lago).

Le dighe ad archi multipli presupponevano un ottimo terreno d'appoggio poiché le volte che hanno la funzione di trasmettere gli elevati carichi alle fondazioni devono essere incastonate in roccia compatta ed integra. Undici arcate furono appoggiate direttamente sulla base a gravità inizialmente costruita, fatta con materiali scadenti e senza troppa cura. Si creò una pericolosissima discontinuità strutturale ed i materiali erano così scarsi che fino dalla costruzione della base della diga perduravano infiltrazioni di acqua che i costruttori non riuscivano a tamponare; il calcestruzzo che aveva sostituito la roccia alla base era in realtà scadente, l'armatura non era fatta bene ed al posto dei tondini in ferro era stato messo materiale di recupero.

Una serie di cialtronerie legate alla necessità di risparmiare tempo e denaro.

Il primo dicembre del 1923 a seguito di forti piogge l'invaso si riempì di acqua che non fu possibile alleggerire cosicché l'acqua che stramazzò dagli sfioratori della diga completò l'opera di demolizione delle fondamenta, già compromesse dalle infiltrazioni, facendo perdere resistenza al tampone e gli archi centrali, sopra di esso, si aprirono e cedettero aprendo la diga che sommerse paesi persone e animali.

359 morti ufficiali.

Seguirono i disastri della diga di Molare, poi il Vajont e la val di Stava.


« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 0 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »

I testi, le immagini o i video pubblicati in questa pagina, laddove non facciano parte dei contenuti o del layout grafico gestiti direttamente da LaRecherche.it, sono da considerarsi pubblicati direttamente dall'autore Glauco Ballantini, dunque senza un filtro diretto della Redazione, che comunque esercita un controllo, ma qualcosa pu sfuggire, pertanto, qualora si ravvisassero attribuzioni non corrette di Opere o violazioni del diritto d'autore si invita a contattare direttamente la Redazione a questa e-mail: redazione@larecherche.it, indicando chiaramente la questione e riportando il collegamento a questa medesima pagina. Si ringrazia per la collaborazione.

 

Di seguito trovi le ultime pubblicazioni dell'autore in questa sezione (max 10)
[se vuoi leggere di pi vai alla pagina personale dell'autore »]

Glauco Ballantini, nella sezione Articolo, ha pubblicato anche:

:: [ Cinema ] C’ ancora domani? (Pubblicato il 23/11/2023 15:00:46 - visite: 21) »

:: [ Musica ] La Ballata della moda - L. Tenco (Pubblicato il 26/10/2023 15:18:34 - visite: 80) »

:: [ Vari ] The Big Fella (Pubblicato il 10/02/2023 08:46:46 - visite: 125) »

:: [ Cinema ] I Moschettieri di Scola (Pubblicato il 14/12/2022 11:35:45 - visite: 105) »

:: [ Cinema ] In mezzo al Sorpasso (Pubblicato il 02/04/2021 08:57:00 - visite: 274) »

:: [ Cinema ] Sette note in nero (Pubblicato il 04/06/2020 11:09:35 - visite: 379) »

:: [ Vari ] Il mondo ragionevole (Pubblicato il 20/05/2020 09:33:36 - visite: 338) »

:: [ Psicologia ] Un gioco esplicativo (Pubblicato il 25/09/2018 17:51:45 - visite: 415) »

:: [ Cinema ] La Bellissima Estate (Pubblicato il 23/05/2016 12:53:17 - visite: 889) »

:: [ Cinema ] Il cinema di Scola (Pubblicato il 27/01/2016 09:29:04 - visite: 827) »