:: Pagina iniziale | Autenticati | Registrati | Tutti gli autori | Biografie | Ricerca | Altri siti ::  :: Chi siamo | Contatti ::
:: Poesia | Aforismi | Prosa/Narrativa | Pensieri | Articoli | Saggi | Eventi | Autori proposti | Video proposti | 4 mani  ::
:: Poesia della settimana | Recensioni | Interviste | Libri liberi [eBook] | I libri vagabondi [book crossing] ::  :: Commenti dei lettori ::
Premio "Il Giardino di Babuk - Proust en Italie" VII Edizione 2021: classifica
 

Ogni lettore, quando legge, legge se stesso. L'opera dello scrittore è soltanto una specie di strumento ottico che egli offre al lettore per permettergli di discernere quello che, senza libro, non avrebbe forse visto in se stesso. (da "Il tempo ritrovato" - Marcel Proust)

Sei nella sezione Prosa/Narrativa
gli ultimi 15 titoli pubblicati in questa sezione
gestisci le tue pubblicazioni »

Pagina aperta 49 volte, esclusa la tua visita
Ultima visita il Wed Apr 7 17:50:21 UTC+0200 2021
Moderatore »
se ti autentichi puoi inserire un segnalibro in questa pagina

Leonilde

di Teresa Cassani
[ biografia | pagina personale | scrivi all'autore ]


[ Raccogli tutti i testi in prosa dell'autore in una sola pagina ]

« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 0 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »




Pubblicato il 27/02/2021 17:57:46

LEONILDE

Gli studi di filosofia e un’attitudine innata l’hanno spinta a una riflessività che le impedisce di dire sciocchezze. A quanti l’avvicinano appare discreta e autorevole, garbata e delicata, capace di suscitare la stima.
Ha scelto la via della solitudine per aderire a una tavola di valori che si è data.
La sua vita è in campagna. Accanto alla madre ultranovantenne, vedova.
Terminato il rapporto con l’Amministrazione Comunale, impara a coltivare le piante dell’orto. Perché siano al riparo dal vento e dalle intemperie, le colloca a ridosso del pozzo e dei muri perimetrali di un vecchio deposito per attrezzi agricoli.
Il rosmarino manda la sua intensa fragranza di pianta aromatica mediterranea e da quei fusti, così protesi verso l’alto, si percepisce il senso della resistenza: lo stesso della bicicletta “Tre Fucili” con cui la nonna, il padre e lo zio hanno percorso i dedali della Bassa sotto i bombardamenti. Nella libreria di casa è conservato ancora un testo di grammatica inglese con i segni di una scheggia.
Dopo la morte del padre, Leonilde ha deciso il riordino di tutti gli oggetti e delle carte che hanno sempre occupato alla rinfusa gli angoli dell’abitazione.
La fila degli orci, custoditi nella vecchia dispensa, in cui si conservavano le uova sotto la calcina, potrebbero occupare il ripiano del credenzone, le anatre da richiamo, usate dal bisnonno per la caccia nei tinelli, saranno collocate sul comò dello studio dopo una bella passata di vernice.
La gestione della casa ora è nelle sue mani. La madre può offrire soltanto un sostegno psicologico: artrosi e problemi cardio vascolari frustrano energie di un tempo.
Ciò su cui si concentra adesso Leonilde è la destinazione delle lettere. Le tiene da tempo nel doppio fondo del secrétaire e non sa se sbarazzarsene o conservarle.
Lettere di allora inviate da privati al giornale per sottolineare lo stato d’abbandono di edifici storici, denunciare devastanti cementificazioni o l’infrattare di affitti abusivi.
Alla redazione si é sempre voluto squadernare in prima pagina il contenuto di quei cahiers de doléances e l’Amministrazione Comunale non aveva risparmiato polemiche. Soprattutto per quell’articolo in cui Leonilde aveva sostenuto che la politica, se vuol essere buona politica e prassi da trasmettere come il lievito madre, non deve venire meno all’etica; lei voleva denunciare tempi in cui il nuovo modo di far politica non guardava più alla centralità della persona.
Leonilde ha in mente quelle battaglie accese che adesso, nel volgere delle stagioni, risuonano come echi lontani anche se non privi di richiami all’attualità.
E ormai ha deciso di essere conservazione. Di memorie del passato e di segni che si sono rivelati anticipatori del presente.




« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 0 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »

I testi, le immagini o i video pubblicati in questa pagina, laddove non facciano parte dei contenuti o del layout grafico gestiti direttamente da LaRecherche.it, sono da considerarsi pubblicati direttamente dall'autore Teresa Cassani, dunque senza un filtro diretto della Redazione, che comunque esercita un controllo, ma qualcosa può sfuggire, pertanto, qualora si ravvisassero attribuzioni non corrette di Opere o violazioni del diritto d'autore si invita a contattare direttamente la Redazione a questa e-mail: redazione@larecherche.it, indicando chiaramente la questione e riportando il collegamento a questa medesima pagina. Si ringrazia per la collaborazione.

 

Di seguito trovi le ultime pubblicazioni dell'autore in questa sezione (max 10)
[se vuoi leggere di più vai alla pagina personale dell'autore »]

Teresa Cassani, nella sezione Narrativa, ha pubblicato anche:

:: La scelta (Pubblicato il 01/04/2021 16:18:21 - visite: 58) »

:: Le parti di sé (Pubblicato il 18/03/2021 17:29:41 - visite: 92) »

:: Il sogno e il ricordo (Pubblicato il 17/03/2021 11:54:41 - visite: 41) »

:: Lui, la sua arte (Pubblicato il 14/03/2021 20:07:04 - visite: 68) »

:: Per strada (Pubblicato il 12/03/2021 09:45:05 - visite: 52) »

:: Immortale (Pubblicato il 06/03/2021 19:21:57 - visite: 82) »

:: Il mostro (Pubblicato il 05/03/2021 17:07:22 - visite: 92) »

:: Prospettive di senso (Pubblicato il 10/02/2021 16:28:29 - visite: 108) »

:: Cercando l’uomo (Pubblicato il 26/01/2021 18:58:08 - visite: 85) »

:: Per sempre tuo (Pubblicato il 16/01/2021 15:19:25 - visite: 107) »