:: Pagina iniziale | Autenticati | Registrati | Tutti gli autori | Biografie | Ricerca | Altri siti ::  :: Chi siamo | Contatti ::
:: Poesia | Aforismi | Prosa/Narrativa | Pensieri | Articoli | Saggi | Eventi | Autori proposti | 4 mani  ::
:: Poesia della settimana | Recensioni | Interviste | Libri liberi [eBook] | I libri vagabondi [book crossing] ::  :: Commenti dei lettori ::
🖋 L'età della rovina a Nardò (Lecce) il 28 gennaio 2023
🖋 Memoria o scrittura retrospettiva? a Roma il 29 gennaio 2023
 

Ogni lettore, quando legge, legge se stesso. L'opera dello scrittore è soltanto una specie di strumento ottico che egli offre al lettore per permettergli di discernere quello che, senza libro, non avrebbe forse visto in se stesso. (da "Il tempo ritrovato" - Marcel Proust)

Sei nella sezione Prosa/Narrativa
gli ultimi 15 titoli pubblicati in questa sezione
gestisci le tue pubblicazioni »

Pagina aperta 82 volte, esclusa la tua visita
Ultima visita il Sun Jan 29 20:20:07 UTC+0100 2023
Moderatore »
se ti autentichi puoi inserire un segnalibro in questa pagina

Le cornici

di Teresa Cassani
[ biografia | pagina personale | scrivi all'autore ]


[ Raccogli tutti i testi in prosa dell'autore in una sola pagina ]

« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 0 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »




Pubblicato il 30/11/2022 17:49:06

LE CORNICI


La bottega dell’antiquario era situata in centro città. Posizionata accanto al negozio del fiorista, dava su una corte interna lastricata di porfido.
Era un locale piuttosto ampio in cui spiccavano oggetti di valore e una quantità ragguardevole di cornici antiche, appese alle pareti con un criterio che teneva conto del cromatismo e dei volumi.
Il proprietario si chiamava M. Se ne stava seduto tutto il giorno in mezzo a quelle antichità lustrate, ricevendo di tanto in tanto le comunicazioni del socio che, dall’interno di uno degli spazi di magazzino, lavorava per il rifacimento e la realizzazione delle cornici.
-Le nostre sono antiche. Non trattiamo il moderno.
La coppia si presentò alle quindici e trenta di un pomeriggio piovoso. Dentro due buste, in parte sgualcite, portavano tre quadri. Di uno, un paesaggio collinare, volevano sostituire la cornice, ritenuta troppo scura, lugubre. Degli altri due, piuttosto piccoli, avevano intenzione di far restaurare il passe-partout, macchiato di nero dall’acqua di spegnimento di un incendio.
“Sono scampati alle fiamme”.
M. disse che non c’erano problemi e si consultò telefonicamente con l’amico operante in soffitta per concordare il da farsi. Dopo una serie di scambi, M. fu pronto a comunicare il tipo di lavorazione e l’importo.
Cento euro per la cornice al paesaggio, cento e non di più come aveva proposto inizialmente, perché l’antiquario avrebbe conservato volentieri quella di cui la signora voleva disfarsi, e settanta per ognuno dei quadri piccoli a cui andava sostituito il passe-partout. In tutto, duecentoquaranta euro.
La coppia sobbalzò un po’. La signora pensò che quarant’anni prima i genitori avevano fatto incorniciare i quadri dello zio a cifre non particolarmente considerevoli e, adesso, invece tutto risultava molto caro e complicato. Però, non aveva scelta. Se non avesse provveduto alla risistemazione dei quadri, non avrebbe potuto disporne. Nella parte inferiore dei due dipinti più piccoli lo sgocciolamento dell' acqua sporca di caligine aveva prodotto un grumo di anelli neri, rendendone impossibile l'esposizione.
Accettò l’offerta.
L’accordo era che quando i quadri fossero stati pronti, M. avrebbe telefonato. I due se ne ripartirono sotto la pioggia.
M. trovò che quella cornice, scura, intagliata, era piuttosto bella e solida. Lucidata e appesa alla catena, avrebbe fatto la sua figura. Era convinto che anche le cornici avessero un valore intrinseco e che la loro vista fosse capace di suggestioni. Quei riquadri dorati e spennellati denotavano una carica evocativa insostituibile.
Si prodigò per trovare la cornice sostitutiva, rispondente ai gusti della signora: argentata e con i dentelli che recingevano nella parte più interna il paesaggio collinare.
Aveva capito che era lei l’intenditrice, mentre il marito si occupava degli aspetti pratici.
L’amico, confinato nelle stanze interne, si apprestò a colorare di bianco il materiale che sarebbe andato a costituire il passe-partout.
Fu realizzato quanto pianificato in modo pulito e puntiglioso.
La settimana successiva M. mandò un messaggio alla signora. “Venerdì i quadri sono pronti”.
La coppia riaprì la porta a vetri del negozio Antichità venerdì alle quindici e trenta.
Era una giornata tersa.
M. mostrò il risultato del lavoro: non c’era nulla da eccepire.
La signora lodò l’accuratezza e la pulizia che il nuovo assemblaggio evidenziava.
M. procedette a impacchettare in fogli bianchi, avvolgendo tutto in una pellicola. E poi in sacchetti di carta.
La signora era contenta ma le mancava qualcosa.
M. se ne accorse ma non capì e neppure gli importò. Era abituato a rifugiarsi esclusivamente nella contemplazione dell’opera prodotta. Il resto non lo riguardava.
La signora pensò che le sarebbe piaciuto se l’antiquario avesse chiesto di approfondire il discorso “Danni causati dallo spegnimento di un incendio”. Se le avesse chiesto perché e che cosa era successo ai quadri, in che modo quegli oggetti avevano subito i lasciti del sinistro.
Ma l’immobilità patinata del negozio, con le sue cornici pittorescamente appese, non poteva essere inclusiva di un interesse che atteneva a una storia privata e personale la quale si attestava ,senza ulteriori spiegazioni, né coinvolgimenti di sorta, su quell’unica vaga frase:
“Sono scampati alle fiamme”.










« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 0 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »

I testi, le immagini o i video pubblicati in questa pagina, laddove non facciano parte dei contenuti o del layout grafico gestiti direttamente da LaRecherche.it, sono da considerarsi pubblicati direttamente dall'autore Teresa Cassani, dunque senza un filtro diretto della Redazione, che comunque esercita un controllo, ma qualcosa può sfuggire, pertanto, qualora si ravvisassero attribuzioni non corrette di Opere o violazioni del diritto d'autore si invita a contattare direttamente la Redazione a questa e-mail: redazione@larecherche.it, indicando chiaramente la questione e riportando il collegamento a questa medesima pagina. Si ringrazia per la collaborazione.

 

Di seguito trovi le ultime pubblicazioni dell'autore in questa sezione (max 10)
[se vuoi leggere di più vai alla pagina personale dell'autore »]

Teresa Cassani, nella sezione Narrativa, ha pubblicato anche:

:: L’età più felice (Pubblicato il 22/01/2023 16:42:32 - visite: 72) »

:: La benedizione (Pubblicato il 03/01/2023 09:30:09 - visite: 80) »

:: Flash (Pubblicato il 27/12/2022 16:03:01 - visite: 78) »

:: Centralità (Pubblicato il 10/12/2022 12:42:23 - visite: 87) »

:: Lo scopo (Pubblicato il 03/12/2022 07:41:35 - visite: 84) »

:: Il profumo alla violetta (Pubblicato il 27/11/2022 17:44:31 - visite: 74) »

:: Per una casa (Pubblicato il 07/11/2022 14:32:02 - visite: 98) »

:: Trovare le parole (Pubblicato il 19/10/2022 13:18:39 - visite: 118) »

:: La visita (Pubblicato il 05/09/2022 19:25:44 - visite: 183) »

:: Amadé e il contrappunto (Pubblicato il 03/09/2022 09:37:41 - visite: 273) »