:: Pagina iniziale | Autenticati | Registrati | Tutti gli autori | Biografie | Ricerca | Altri siti ::  :: Chi siamo | Contatti ::
:: Poesia | Aforismi | Prosa/Narrativa | Pensieri | Articoli | Saggi | Eventi | Autori proposti | Video proposti | 4 mani  ::
:: Poesia della settimana | Recensioni | Interviste | Libri liberi [eBook] | I libri vagabondi [book crossing] ::  :: Commenti dei lettori ::
🖋 Premio Il Giardino di Babuk - Proust en Italie - VIII edizione 2022
invia la tua opera in concorso (Poesia e Racconto breve)
 

Ogni lettore, quando legge, legge se stesso. L'opera dello scrittore è soltanto una specie di strumento ottico che egli offre al lettore per permettergli di discernere quello che, senza libro, non avrebbe forse visto in se stesso. (da "Il tempo ritrovato" - Marcel Proust)

Piazza di Spagna

di Jorge Eduardo Eielson 

« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 4 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »




Pubblicato il 08/03/2014 13:28:08


Chi ha detto che il cielo
non è altro che un vecchio tamburo
completamente inutile
e senza suono?
proviamo a salire la scalinata
più dolce del mondo
guardiamo verso villa medici
senza perdere di vista
la nostra barca di marmo là sotto
né il capitano bernini
né la piccola isola
con le tre palme africane
a destra
e guardiamo il tramonto incomparabile
che tuttavia voglio paragonare
a una trombetta
o meglio
a un intro gruppo di trombette
intanto che le nuvole sono violini
accesi senza dubbio
arpa è l'acqua delle fontane
contrabbasso il vento forte
e i passerotti
flauti e zampogne
nessuna orchestra è concepibile
senza un colpo di tamburi
in fondo
ma se il vecchio cuoio blu
risuona ancora
a trinità dei monti
ciò è dovuto in gran misura
a un incredibile sistema
di acustica divina
grazie al quale scopriremo
voci e melodie
che ormai nessuno ascolta
per quanto giriamo la testa
dall'ultimo gradino
dell'augusta scalinata
proprio nello stesso segmento
dove la maliziosa balaustra
conta ventitré colonne
e a un tratto piomba
da un obelisco appuntito
sulla grande terrazza
(attraversata sempre da un bambino
come un anello senza padrone
i capelli biondi al vento
la voce totalmente bianca)
e guardiamo a sinistra
in basso
verso il tramonto di nuovo ma
ora più vicino a noi quasi
a portata di mano appena
a un tiro di schioppo
che cosa vediamo?
un secondo sole
più piccolo e luminoso
di quello solito
e che si china piano piano
di nome keats
un terzo sole piccolo come un bambino
con i capelli biondi al vento
di nome shelley
entrambi inglesi e puri
bambini poeti che l'eternità ha rinchiuso
in uno stesso crepuscolo latino
insieme tutti e due e mai divisi
né dalle donne
né dalla gloria
né dalla stessa terra scelta
dolci poeti di albione
dormono nudi ancora?
gli esteti
in un'alcova di roma
perfetta coppia senza vita che ancora mormora
una divina melodia
che nessuno più ricorda?

Da “Di stanza a Roma”, 1952.
(Edizioni Ponte Sisto, Roma 2007, a cura di Martha L. Canfield)

« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 4 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »

I testi, le immagini o i video pubblicati in questa pagina, laddove non facciano parte dei contenuti o del layout grafico gestiti direttamente da LaRecherche.it, sono da considerarsi pubblicati direttamente dall'autore Gian Piero Stefanoni, dunque senza un filtro diretto della Redazione, che comunque esercita un controllo, ma qualcosa può sfuggire, pertanto, qualora si ravvisassero attribuzioni non corrette di Opere o violazioni del diritto d'autore si invita a contattare direttamente la Redazione a questa e-mail: redazione@larecherche.it, indicando chiaramente la questione e riportando il collegamento a questa medesima pagina. Si ringrazia per la collaborazione.

 

Di seguito trovi le ultime pubblicazioni dell'autore in questa sezione (max 10)
[se vuoi leggere di più vai alla pagina personale dell'autore »]

Gian Piero Stefanoni, nella sezione Proposta_Poesia, ha pubblicato anche:

:: Gli dèi non cancellarono , di Vito Moretti (Pubblicato il 24/02/2019 10:44:45 - visite: 772) »

:: Signore, ricordati non solo #GiornoMemoria. , di Sconosciuto (Pubblicato il 21/01/2019 09:50:19 - visite: 804) »

:: Che spunti lo stelo , di Mikica Pindzo (Pubblicato il 25/01/2016 16:44:23 - visite: 1458) »

:: Noi siamo la buccia e la foglia. , di Rainer Maria Rilke (Pubblicato il 07/12/2015 19:21:54 - visite: 2370) »

:: Finezza , di Juana Rosa Pita (Pubblicato il 07/07/2015 11:19:18 - visite: 1340) »

:: Andassi anch’io per stracci. Avessi , di Sandro Penna (Pubblicato il 15/05/2015 16:58:53 - visite: 1428) »

:: Ce n’ho abbastanza , di Vittorio Vitolo in arte Victor Cavallo (Pubblicato il 27/03/2015 10:43:29 - visite: 1740) »

:: Ho dormito l’ultima notte , di Elio Filippo Accrocca (Pubblicato il 21/07/2014 11:42:16 - visite: 1787) »

:: Soglia , di Ronald Stuart Thomas (Pubblicato il 28/06/2014 12:28:50 - visite: 1451) »

:: I brividi del sole , di Plinio Perilli (Pubblicato il 21/02/2014 12:37:21 - visite: 1546) »