:: Pagina iniziale | Autenticati | Registrati | Tutti gli autori | Biografie | Ricerca | Altri siti ::  :: Chi siamo | Contatti ::
:: Poesia | Aforismi | Prosa/Narrativa | Pensieri | Articoli | Saggi | Eventi | Autori proposti | 4 mani  ::
:: Poesia della settimana | Recensioni | Interviste | Libri liberi [eBook] | I libri vagabondi [book crossing] ::  :: Commenti dei lettori ::
 

Ogni lettore, quando legge, legge se stesso. L'opera dello scrittore è soltanto una specie di strumento ottico che egli offre al lettore per permettergli di discernere quello che, senza libro, non avrebbe forse visto in se stesso. (da "Il tempo ritrovato" - Marcel Proust)

Sei nella sezione Saggi
gli ultimi 15 titoli pubblicati in questa sezione
gestisci le tue pubblicazioni »

Pagina aperta 115 volte, esclusa la tua visita
Ultima visita il Sun Feb 25 18:47:30 UTC+0100 2024
Moderatore »
se ti autentichi puoi inserire un segnalibro in questa pagina

La natura ancestrale e biologica della violenza sulle donne

Argomento: Scienza

di guido brunetti
[ biografia | pagina personale | scrivi all'autore ]


[ Raccogli tutti i saggi dell'autore in una sola pagina ]

« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 0 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »




Pubblicato il 22/11/2023 15:35:18

 

Guido Brunetti

La natura ancestrale e biologica della violenza sulle donne

 

Il 25 novembre si celebra la Giornata internazionale per l’eliminazione della violenza contro le donne, una ricorrenza istituita il 17 dicembre 1999 dall’ONU, allo scopo di sensibilizzare l’opinione pubblica su una delle più devastanti violazioni dei diritti umani.

 

Il concetto di violenza indica qualsiasi atto che possa provocare sofferenze o danni fisici, psicologici o sessuali, comprese le minacce di tali atti. La violenza genera effetti negativi sulla salute fisica, mentale e riproduttiva della donna, le cui conseguenze riguardano ansia, depressione, stress, isolamento, incapacità di lavorare e di prendersi cura di se stessa e dei propri figli. E’ un problema di salute bio-psichica di proporzioni globali enormi.

 

I dati della ricerca mostrano che il nostro comportamento ha basi neurobiologiche. Quella dell’uomo è una specie aggressiva. Già Platone scriveva che ‘in tutti noi alberga una bestia selvaggia e senza legge’. Sono comportamenti emotivi e affettivi che originano dalle aree ancestrali, profonde dei cervelli sia umani sia animali. La violenza è parte della nostra eredità primordiale. Tutti i mammiferi fanno esperienza della violenza. Nasciamo con una diversa disposizione al comportamento aggressivo e violento in base al patrimonio genetico, al sesso, al nutrimento ricevuto attraverso la placenta, alle circostanze sociali negative, al testosterone e all’assunzione di fumo, alcol e medicinali durante la gravidanza. E’ un problema psichiatrico e sociale di dimensioni colossali.

 

Nel corso della storia, in epoche e culture diverse, le donne sono state sottoposte a ingiustizie e violenza fisica e psicologica, a umiliazioni, possesso e dominio. Pregiudizi, stereotipi, teorie errate e balzane hanno scandito il mondo delle donne. Secondo queste concezioni durate sino al Novecento, la differenza tra uomini e donne consisteva in una fondamentale inferiorità femminile. All’inizio del XX secolo, il famoso antropologo Gustave Le Bon commette l’errore di affermare che l’inferiorità della donna è ‘talmente ovvia che nessuno perderebbe tempo a contestarla.

 

Sono state le scoperte e gli spettacolari progressi delle neuroscienze a determinare una rivoluzione nelle nostre concezioni e fare finalmente chiarezza sugli aspetti misteriosi e affascinanti delle donne e sui loro specifici, unici e irripetibili talenti neurobiologici, mentali, affettivi e sociali e sulle differenze genetiche, ormonali e comportamentali di uomini e donne.

 

Nuove eccitanti ricerche e prove scientifiche hanno mostrato che uomini e donne provengono da pianeti differenti, ed hanno sensibilità e interessi diversi praticamente in tutti i sistemi affettivi ed emotivi. Conoscere le differenze neurobiologiche, mentali ed emotive tra i sessi comporta rilevanti vantaggi, come la creazione di sistemi di relazione e strategie per realizzare un’esistenza meno aggressiva e violenta; rimuovere pregiudizi e stereotipi negativi; chiarire la natura degli uomini, le loro pulsioni distruttive e autodistruttive e il loro modo di pensare, sentire, agire. Conoscere i due cervelli poi aiuta donne e uomini a provare più comprensione, compassione, intimità e apprezzamento reciproco, e a creare più società umane e civili. Le differenze, che appaiono già durante lo sviluppo fetale, sono profonde e sottili. Evidenze scientifiche indicano che il cervello femminile è programmato per l’empatia, mentre quello maschile è legato all’aggressività. Nella donna, emergono talenti unici, meravigliosi, come la capacità di decodificare i segnali dei più intimi sentimenti altrui, soprattutto stati ansiosi, tristezza o infelicità; osservare e leggere stati d’animo, pensieri ed emozioni; l’abilità nelle cure parentali e nel sedare i conflitti; stabilire profonde relazioni interpersonali; cogliere i toni emotivi nelle voci, nelle espressioni e nei volti; prevedere le esigenze emotive e fisiche dei bambini che non ancora parlano. E’ una domanda che da sempre ha tormentato filosofi e teologi. Sono state formulate numerose teorie, le quali finora hanno rivelato una evidente impotenza nel comprendere e risolvere il mistero del male. Che è una sfida alla ragione e alla scienza. Alla luce di quanto abbiamo analizzato, riteniamo che la società e le istituzioni nell’interesse comune siano fortemente e urgentemente chiamate a valorizzare, contro stereotipi e pregiudizi, i talenti delle donne, affidando loro un nuovo ruolo professionale, culturale e sociale finalizzato al progresso dell’umanità. Una umanità che dovrebbe essere fondata sull’empatia e sui neuroni specchio. Che sono tra le grandi qualità umane, intellettive e morali della donna. La questione è legata ad una dimensione culturale e ad una nuova sensibilità. Senza questa consapevolezza, non ci sarà alcun cambiamento. Tutto continuerà come prima.


« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 0 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »

I testi, le immagini o i video pubblicati in questa pagina, laddove non facciano parte dei contenuti o del layout grafico gestiti direttamente da LaRecherche.it, sono da considerarsi pubblicati direttamente dall'autore guido brunetti, dunque senza un filtro diretto della Redazione, che comunque esercita un controllo, ma qualcosa può sfuggire, pertanto, qualora si ravvisassero attribuzioni non corrette di Opere o violazioni del diritto d'autore si invita a contattare direttamente la Redazione a questa e-mail: redazione@larecherche.it, indicando chiaramente la questione e riportando il collegamento a questa medesima pagina. Si ringrazia per la collaborazione.

 

Di seguito trovi le ultime pubblicazioni dell'autore in questa sezione (max 10)
[se vuoi leggere di più vai alla pagina personale dell'autore »]

guido brunetti, nella sezione Saggio, ha pubblicato anche:

:: [ Filosofia/Scienza ] Giornata mondiale del malato (Pubblicato il 28/01/2024 14:53:08 - visite: 58) »

:: [ Filosofia/Scienza ] Neuroscienze psicoanalisi arte e creatività (Pubblicato il 17/01/2024 18:29:05 - visite: 54) »

:: [ Filosofia/Scienza ] Cervello e musica (Pubblicato il 12/01/2024 15:34:22 - visite: 51) »

:: [ Filosofia/Scienza ] Nel nome del Padre. La magia del Natale (Pubblicato il 12/12/2023 18:26:27 - visite: 140) »

:: [ Letteratura ] Viareggio Terra di ferina bellezza (Pubblicato il 30/11/2023 19:15:53 - visite: 125) »

:: [ Scienza ] Neuroscienze: il cervello del bambino (Pubblicato il 04/11/2023 18:17:10 - visite: 96) »

:: [ Scienza ] Pensiero moderno, scuola, valori, morte di Dio (Pubblicato il 10/10/2023 15:13:04 - visite: 84) »

:: [ Scienza ] Disturbi mentali (Pubblicato il 02/10/2023 14:59:54 - visite: 115) »

:: [ Medicina ] Abbiamo un cervello infinito, ma fragile (Pubblicato il 02/09/2023 09:00:54 - visite: 140) »

:: [ Filosofia/Scienza ] Che cosa è la coscienza (Pubblicato il 30/06/2023 16:03:12 - visite: 396) »