Sostieni il nostro comune progetto: diventa Socio e/o fai una donazione
:: Pagina iniziale | Autenticati | Registrati | Tutti gli autori | Biografie | Ricerca | Altri siti ::  :: Chi siamo | Contatti ::
:: Poesia | Aforismi | Prosa/Narrativa | Pensieri | Articoli | Saggi | Eventi | Autori proposti | Video proposti | 4 mani  :: Posta ::
:: Poesia della settimana | Recensioni | Interviste | Libri liberi [eBook] | I libri vagabondi [book crossing] ::  :: Commenti dei lettori ::
Premio letterario "Il Giardino di Babuk - Proust en Italie" - V edizione (2019)
 

Ogni lettore, quando legge, legge se stesso. L'opera dello scrittore è soltanto una specie di strumento ottico che egli offre al lettore per permettergli di discernere quello che, senza libro, non avrebbe forse visto in se stesso. (da "Il tempo ritrovato" - Marcel Proust)

Sei nella sezione Poesia
gli ultimi 15 titoli pubblicati in questa sezione
gestisci le tue pubblicazioni »

Pagina aperta 1295 volte, esclusa la tua visita
Ultima visita il Thu Jan 31 16:34:58 UTC+0100 2019
Moderatore »
se ti autentichi puoi inserire un segnalibro in questa pagina

TEMPO

di Pietro Menditto
[ biografia | pagina personale | scrivi all'autore ]


[ Raccogli tutte le poesie dell'autore in una sola pagina ]

« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 5 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »




Pubblicato il 21/11/2011 09:09:12

      -     Chiese: “Dimmi qualcosa del tempo”

 

-          Non esiste.

 

-          Hummh, banale.

 

-          E’ la più ingannevole delle carni.

 

-          Lo conosco. E’ il verso di una tua vecchia poesia che come le altre non ti pubblicheranno mai.

 

-          Senti, non sono S. Agostino, che comunque se la cavò elegantemente ma non risolutivamente.

 

-          Allora facciamola più semplice, dimmi di quel tempo che chiamiamo “passato”.

 

-          Il passato è carne putrefatta.

 

-          Non barare, è una variazione sul verso di prima.

 

-          Allora… allora… il passato galleggia.

 

-          Galleggia?

 

-          Sì, il passato galleggia.

 

-          Va bene, mi piace, il passato galleggia. Ma su cosa galleggia?

 

-          Sul futuro.

 

-          Sul futuro?

 

-          Certo, sul futuro.

 

-          In che senso?

 

-          Nel senso che quando pensiamo al passato dobbiamo appoggiarlo su qualcosa e siccome lo pensiamo nel presente per non rimanerne schiacciati dobbiamo appoggiarlo, parlando di tempo, sul futuro.

 

-          Bene, va’ avanti.

 

-          C’è poco da andare avanti, siamo già nel futuro.

 

-          E il futuro, allora?

 

-          Il futuro non esiste e non dirmi che è banale perché anche i bambini lo sanno.

 

-          D’accordo, allora il passato galleggia sul futuro. ma finisce qui?

 

-          Potrebbe.

 

-          Ma se il futuro non esiste come fa il passato a galleggiarvi sopra?

 

-          Il futuro non esiste perché quando lo pensiamo lo costruiamo con qualcosa che già possediamo saldamente e questo ne fa immediatamente un supporto, per così dire neutro, su cui poggiare il passato.

 

-          Prima hai toccato il presente di sfuggita.

 

-          Di sfuggita è un bel modo di dire. Il presente, se non lo hai ancora capito, è una spiaggia fatta di un passato che non è il nostro, dalla quale osserviamo il mare del futuro sul quale galleggia passato che in qualche modo ci appartiene.

 

-          E la malinconia?

 

-          E’ la pelle bruna della nostalgia che è quello che provano tutti questi pezzi che vorrebbero ricongiungersi perché credono di essere separati. Se uno sta attento e non supera questo momento evita di impazzire.

 

-          E la tragedia?

 

-          E’ tutto questo senza un rimedio.

 

-          Andiamo a bere qualcosa.

 

-          Andiamo.

 

                                                                                                                                  (2007)

 

 



« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 5 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »

 

Di seguito trovi le ultime pubblicazioni dell'autore in questa sezione (max 10)
[se vuoi leggere di più vai alla pagina personale dell'autore »]

Pietro Menditto, nella sezione Poesia, ha pubblicato anche:

:: Elenco delle somiglianze (Pubblicato il 11/07/2014 09:54:13 - visite: 1094) »

:: Un ricordo della fine (Pubblicato il 20/06/2014 08:09:15 - visite: 1056) »

:: Fino a quando? (Pubblicato il 15/04/2014 09:01:41 - visite: 957) »

:: Ed io non so se questo stupore (Pubblicato il 04/04/2014 09:10:43 - visite: 1005) »

:: Epochè (Pubblicato il 29/01/2014 08:28:26 - visite: 1026) »

:: Due colombi (Pubblicato il 18/07/2013 10:30:57 - visite: 1148) »

:: Sbando nella legge estatica (Pubblicato il 27/06/2013 10:25:13 - visite: 864) »

:: Ma allora cos’è (Pubblicato il 25/06/2013 08:00:19 - visite: 1088) »

:: Assenza di ispirazione (Pubblicato il 11/06/2013 12:05:27 - visite: 1355) »

:: La spazzola (Pubblicato il 26/04/2013 18:39:35 - visite: 1220) »