Sostieni il nostro comune progetto: diventa Socio e/o fai una donazione
:: Pagina iniziale | Autenticati | Registrati | Tutti gli autori | Biografie | Ricerca | Altri siti ::  :: Chi siamo | Contatti ::
:: Poesia | Aforismi | Prosa/Narrativa | Pensieri | Articoli | Saggi | Eventi | Autori proposti | Video proposti | 4 mani  :: Posta ::
:: Poesia della settimana | Recensioni | Interviste | Libri liberi [eBook] | I libri vagabondi [book crossing] ::  :: Commenti dei lettori ::
ANTOLOGIA PROUSTIANA 2019: UNA NOTTE MAGICA | partecipa
Premio letterario "Il Giardino di Babuk - Proust en Italie"
 

Ogni lettore, quando legge, legge se stesso. L'opera dello scrittore è soltanto una specie di strumento ottico che egli offre al lettore per permettergli di discernere quello che, senza libro, non avrebbe forse visto in se stesso. (da "Il tempo ritrovato" - Marcel Proust)

Sei nella sezione Poesia
gli ultimi 15 titoli pubblicati in questa sezione
gestisci le tue pubblicazioni »

Pagina aperta 1219 volte, esclusa la tua visita
Ultima visita il Wed May 8 06:39:40 UTC+0200 2019
Moderatore »
se ti autentichi puoi inserire un segnalibro in questa pagina

KONZENTRATIONSLAGER

di Pietro Menditto
[ biografia | pagina personale | scrivi all'autore ]


[ Raccogli tutte le poesie dell'autore in una sola pagina ]

« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 5 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »




Pubblicato il 30/11/2011 16:39:52

Vivere osservando la luce,

come sono le cose da questa

trasformandola trasformate e

pregando a volte che intervenga,

se non c'è, il vento.

Il resto è un inventario per altre vite,

altro inchiostro, differente silenzio.

 

Così pure la morte è un'ispettrice

imparziale delle risorse umane

per il suo ufficio dotata di una troppo

antiquata ridondante (eccedente il fine)

risorsa strumentale che oppone solo un visto

(tra l'altro previsto) dove una parte giura

Kalìfero, un'altra Gesù Cristo.

 

Talvolta mi è facile carbonizzare un ragno

con l'accendino non ricaricabile.

Mi riesce soprattutto con quelli che

non hanno trovato di meglio che fare

della tela un compatto bozzolo

nell'angolo di una finestra che non viene aperta mai.

Alla fiamma regolata al massimo in precedenza,

all'ultima anfimissi, quello allunga delle otto le anteriori

apostrofandomi: "Kafka! " come un vecchio docente

o un prete le adunche falangi artritiche a benedire chissà chi,

autorizzato da chissà quale Pentecoste.

 

Non sono altrettanto bravo con le mosche,

essendo maestra del loro sterminio a volo

mia moglie, a non schiacciarle, a disseminarne

l'impiantito di loro integre, appena un'ala fuori posto

come un bigliettino da visita infilato di traverso

nelle costole o per la punta il biscotto tra le palle

del gelato accanto alla bandierina dello stato delle cose.

 

Del purtroppo fin sopra i capelli – ricordi i tempi belli? –

e dell'hig teach e delle subdole e-mail…

 

Eppure tutto torna, ritengo.

Il fanciullo alemanno che una tantum fu marchiato

a Röcken dall' Eins tuth Noth lo disse für ewig un po’

confusamente ma noi sappiamo che l'eterno ritorno

non è un mito, il mito (ciò su cui si tace, devesi tacere)

è l'eterno ritorno e il sindacato attori tra dilettanti

e professionisti fatturerà per sempre a nove zeri.

 

Era così eccitante quando c'erano le razze.

Incontravi gente in quantità e nemmeno un fratello

con cui dividere un'eredità. E c'era anche la libertà

di scegliere, di giudicare. L'operazione partita da Cartesio

sopra di lui si è ripiegata, come si abbassa il buon selvaggio

                                                                                  [ a livello.

Bastò non innaffiare più l'ordinata che a poco a poco

si afflosciò sull'ascissa e fu il trionfo del comfort uni-

versale-orizzontale-adimensionale e perciò globale, fratello.

 

Troveranno un'altra anfora a Qumran o nel tanfo di altra grotta

usata per commerci carnali che ci restituirà Vangeli a oltranza?

 

Ma la nuova novella è già in questa grotta detta DellaTolleranza

da tanto di quel tempo che il greco di cui si riferisce parla e vede

una sinossi a stelle e strisce, senza neanche un congiuntivo.

 

Chi ha fatto questo conosce l'iperbole e il modo di farne un preservativo.

 



« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 5 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »

 

Di seguito trovi le ultime pubblicazioni dell'autore in questa sezione (max 10)
[se vuoi leggere di più vai alla pagina personale dell'autore »]

Pietro Menditto, nella sezione Poesia, ha pubblicato anche:

:: Elenco delle somiglianze (Pubblicato il 11/07/2014 09:54:13 - visite: 1112) »

:: Un ricordo della fine (Pubblicato il 20/06/2014 08:09:15 - visite: 1082) »

:: Fino a quando? (Pubblicato il 15/04/2014 09:01:41 - visite: 965) »

:: Ed io non so se questo stupore (Pubblicato il 04/04/2014 09:10:43 - visite: 1016) »

:: Epochè (Pubblicato il 29/01/2014 08:28:26 - visite: 1034) »

:: Due colombi (Pubblicato il 18/07/2013 10:30:57 - visite: 1156) »

:: Sbando nella legge estatica (Pubblicato il 27/06/2013 10:25:13 - visite: 872) »

:: Ma allora cos’è (Pubblicato il 25/06/2013 08:00:19 - visite: 1102) »

:: Assenza di ispirazione (Pubblicato il 11/06/2013 12:05:27 - visite: 1372) »

:: La spazzola (Pubblicato il 26/04/2013 18:39:35 - visite: 1238) »