Sostieni il nostro comune progetto: diventa Socio e/o fai una donazione
:: Pagina iniziale | Autenticati | Registrati | Tutti gli autori | Biografie | Ricerca | Altri siti ::  :: Chi siamo | Contatti ::
:: Poesia | Aforismi | Prosa/Narrativa | Pensieri | Articoli | Saggi | Eventi | Autori proposti | Video proposti | 4 mani  :: Posta ::
:: Poesia della settimana | Recensioni | Interviste | Libri liberi [eBook] | I libri vagabondi [book crossing] ::  :: Commenti dei lettori ::
Premio letterario "Il Giardino di Babuk - Proust en Italie" - V edizione (2019)
 

Ogni lettore, quando legge, legge se stesso. L'opera dello scrittore è soltanto una specie di strumento ottico che egli offre al lettore per permettergli di discernere quello che, senza libro, non avrebbe forse visto in se stesso. (da "Il tempo ritrovato" - Marcel Proust)

Sei nella sezione Poesia
gli ultimi 15 titoli pubblicati in questa sezione
gestisci le tue pubblicazioni »

Pagina aperta 1477 volte, esclusa la tua visita
Ultima visita il Wed Feb 20 11:13:04 UTC+0100 2019
Moderatore »
se ti autentichi puoi inserire un segnalibro in questa pagina

Non più tacere

di Pietro Menditto
[ biografia | pagina personale | scrivi all'autore ]


[ Raccogli tutte le poesie dell'autore in una sola pagina ]

« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 5 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »




Pubblicato il 28/01/2012 10:04:19

                                                                                 

 

Lo stesso canto degli uccelli a marzo

prima dell'alba è pena,

si fa nella matura luce sfarzo.

 

Ogni volta ci lascia, ogni volta ci lasciamo,

e di lui il vuoto si riempie. Ne segue l'anima

la scia, la pena del respiro che sappiamo.

 

Ci sarà un tempo che le giuste parole renda,

la parca eloquenza consona al momento

che quel silenzio indurito alla fine arrenda,

alla corolla di un abbraccio, a un bacio sbigottito

di fiorire in due bocche da così tanto amare

che mai pensarono di poterlo fare?

 

Ci sarà un tempo che il silenzio giusto sappia cogliere,

la dignitosa assenza della voce intrusa, che le parole

estingua al tacito avvinghiarsi, alla cieca stretta e pura

che fa luce del piacere e della luce lampo che t'incendia

                                                                                   [e dura?

 

Io dico che tempo è di questo il tempo:

che se silenzio pensi, parole mediti che vanno,

quello ti oltrepassa, e solo per questo si fa danno.

 

Ma lui con te vuole restare, se risponde alto alla sua legge amore.

Oltre sé va, con sé ti porta verso un complice, inaudito mare,

a una calda sabbia tenera, dove non più tacere, non più dire,

                                                                                 [più non morire.



« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 5 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »

 

Di seguito trovi le ultime pubblicazioni dell'autore in questa sezione (max 10)
[se vuoi leggere di più vai alla pagina personale dell'autore »]

Pietro Menditto, nella sezione Poesia, ha pubblicato anche:

:: Elenco delle somiglianze (Pubblicato il 11/07/2014 09:54:13 - visite: 1094) »

:: Un ricordo della fine (Pubblicato il 20/06/2014 08:09:15 - visite: 1056) »

:: Fino a quando? (Pubblicato il 15/04/2014 09:01:41 - visite: 957) »

:: Ed io non so se questo stupore (Pubblicato il 04/04/2014 09:10:43 - visite: 1005) »

:: Epochè (Pubblicato il 29/01/2014 08:28:26 - visite: 1026) »

:: Due colombi (Pubblicato il 18/07/2013 10:30:57 - visite: 1148) »

:: Sbando nella legge estatica (Pubblicato il 27/06/2013 10:25:13 - visite: 864) »

:: Ma allora cos’è (Pubblicato il 25/06/2013 08:00:19 - visite: 1088) »

:: Assenza di ispirazione (Pubblicato il 11/06/2013 12:05:27 - visite: 1355) »

:: La spazzola (Pubblicato il 26/04/2013 18:39:35 - visite: 1220) »