Sostieni il nostro comune progetto: diventa Socio e/o fai una donazione
:: Pagina iniziale | Autenticati | Registrati | Tutti gli autori | Biografie | Ricerca | Altri siti ::  :: Chi siamo | Contatti ::
:: Poesia | Aforismi | Prosa/Narrativa | Pensieri | Articoli | Saggi | Eventi | Autori proposti | Video proposti | 4 mani  :: Posta ::
:: Poesia della settimana | Recensioni | Interviste | Libri liberi [eBook] | I libri vagabondi [book crossing] ::  :: Commenti dei lettori ::
ANTOLOGIA PROUSTIANA 2019: UNA NOTTE MAGICA | partecipa
Premio letterario "Il Giardino di Babuk - Proust en Italie"
 

Ogni lettore, quando legge, legge se stesso. L'opera dello scrittore è soltanto una specie di strumento ottico che egli offre al lettore per permettergli di discernere quello che, senza libro, non avrebbe forse visto in se stesso. (da "Il tempo ritrovato" - Marcel Proust)

Sei nella sezione Poesia
gli ultimi 15 titoli pubblicati in questa sezione
gestisci le tue pubblicazioni »

Pagina aperta 1154 volte, esclusa la tua visita
Ultima visita il Wed Apr 10 20:53:43 UTC+0200 2019
Moderatore »
se ti autentichi puoi inserire un segnalibro in questa pagina

La casa

di Pietro Menditto
[ biografia | pagina personale | scrivi all'autore ]


[ Raccogli tutte le poesie dell'autore in una sola pagina ]

« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 2 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »




Pubblicato il 22/03/2012 17:39:33

                                                                                                                              AUmberto Saba 

La casa                                                                                 

 

Ti diventa familiare

una casa che ti è

due volte estranea

perché casa tua non è.

 

Un altro crede possederla

che mensilmente riceve

la testa del tuo stipendio

e alla fine quel risentimento

che prova il conduttore

finisci per non considerarlo

più solo come un dispendio.

 

Accampati, un po’ nomadi

senti te,  i rassegnati famigliari

e l’affetto che non guarda

clausole e contratti cresciuto

è negli anni a dismisura.

Riconosci il dentro e il fuori

vecchi amici, crepe nei muri,

tra gli embrici umili steli di natura.

 

Anche la paura dopo un po’

è svanita dello sfratto

e da quella ti accorgi ormai

d’esserti lontanato, distratto.

 

O dimora imprevista

che trovai in un giorno

di sole glorioso, all’ultimo

piano del nostro destino

come scrissi alla gente altrove

in essa ho sentito e sento

anch’esso estraneo per dolore

ma come egli stesso indigente

t’ama fratello trepido l’amore.


(riproposta) 



« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 2 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »

 

Di seguito trovi le ultime pubblicazioni dell'autore in questa sezione (max 10)
[se vuoi leggere di più vai alla pagina personale dell'autore »]

Pietro Menditto, nella sezione Poesia, ha pubblicato anche:

:: Elenco delle somiglianze (Pubblicato il 11/07/2014 09:54:13 - visite: 1113) »

:: Un ricordo della fine (Pubblicato il 20/06/2014 08:09:15 - visite: 1082) »

:: Fino a quando? (Pubblicato il 15/04/2014 09:01:41 - visite: 965) »

:: Ed io non so se questo stupore (Pubblicato il 04/04/2014 09:10:43 - visite: 1016) »

:: Epochè (Pubblicato il 29/01/2014 08:28:26 - visite: 1034) »

:: Due colombi (Pubblicato il 18/07/2013 10:30:57 - visite: 1157) »

:: Sbando nella legge estatica (Pubblicato il 27/06/2013 10:25:13 - visite: 872) »

:: Ma allora cos’è (Pubblicato il 25/06/2013 08:00:19 - visite: 1102) »

:: Assenza di ispirazione (Pubblicato il 11/06/2013 12:05:27 - visite: 1372) »

:: La spazzola (Pubblicato il 26/04/2013 18:39:35 - visite: 1238) »