Sostieni il nostro comune progetto: diventa Socio e/o fai una donazione
:: Pagina iniziale | Autenticati | Registrati | Tutti gli autori | Biografie | Ricerca | Altri siti ::  :: Chi siamo | Contatti ::
:: Poesia | Aforismi | Prosa/Narrativa | Pensieri | Articoli | Saggi | Eventi | Autori proposti | Video proposti | 4 mani  :: Posta ::
:: Poesia della settimana | Recensioni | Interviste | Libri liberi [eBook] | I libri vagabondi [book crossing] ::  :: Commenti dei lettori ::
Una notte magica [ Magie e cunicoli spaziotemporali ], Aa. Vv.
Presentazione il 22 settembre 2019, ore 17 presso il Villaggio Cultura – Pentatonic
 

Ogni lettore, quando legge, legge se stesso. L'opera dello scrittore è soltanto una specie di strumento ottico che egli offre al lettore per permettergli di discernere quello che, senza libro, non avrebbe forse visto in se stesso. (da "Il tempo ritrovato" - Marcel Proust)

Sei nella sezione Poesia
gli ultimi 15 titoli pubblicati in questa sezione
gestisci le tue pubblicazioni »

Pagina aperta 1188 volte, esclusa la tua visita
Ultima visita il Sat Jul 20 08:38:10 UTC+0200 2019
Moderatore »
se ti autentichi puoi inserire un segnalibro in questa pagina

Axis mundi

di Pietro Menditto
[ biografia | pagina personale | scrivi all'autore ]


[ Raccogli tutte le poesie dell'autore in una sola pagina ]

« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 6 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »




Pubblicato il 25/10/2012 18:22:45

 

Il cicaleccio su Atlantide dura ancora

e tutte queste porcherie sotto il carro dell’ignoto.

Chi stira così bene i piccioni?

 

La leggenda si liscia la barba

unta dai nostri polpastrelli

bruciati dallo sfogliare le pagine

della grommosa rivelazione.

Allo scoccare della mezzanotte

ha gonfiato i palloncini delle anime

e non le resta che attendere

l’afflosciamento nelle ventiquattro ore.

Intanto inganna l’attesa leggendo il futuro

nei fondi degli autodafé.

 

Anche oggi il big bang

avrà le sue proiezioni infinitesimali

negli infiniti orgasmi

silenziati nelle cieche viscere planetarie.

 

Il vecchio impazzito sulla teologia

grida la sua apostasia

chiamando impronte

quello che altri definisce disegno.

 

Da qui sopra la città è perfetta

nel suo calcolato disordine;

sabbia un tempo bagnata

colata da una mano accidiosa

a levare un’umida babele

poco lontano da una logorata battigia.

 

Tutte queste porcherie e solo

per oltraggiare senza saperlo

la consegna del tempo carceriere

che lascia fare

perché sembra

non essere più d’accordo

col datore delle ore.

 

La donna discinta

che esce sul balcone

all’ultimo piano

apparentemente per stendere panni

ma con la speranza di essere guardata

sta chiedendo dei massimi sistemi

e allo stesso modo

l’allarme che da un’ora

non smette di singhiozzare,

l’abbaiare ininterrotto di un cane

disturbato dal divenire

e quelli che davanti ai bar

fanno la sentinella alla scempiata

inedia dell’ombra loro desertica.

 

La radio gracchia che Elena

non è stata ancora liberata.

Scoppia di salute la guerra

e pure la lonza della dialettica.

Faville del fuoco su cui siamo seduti

vengono scambiate in cielo

per segni di un’imminente salvezza

e l’ultimo filosofo

(o l’ultimo dei filosofi)

dalla sua macie e senza più naso

appollaiato sulle comode spalle

di Platone e di Tommaso

alla fine di una anoressente scepsi

pontifica che vista dall’alto

non da così vicino

la vicenda del lupo e dell’agnello

è buona anche per l’ovino.

Visto che funziona in quel certo modo

la cosa deve essere necessariamente ben fatta.

 

Ogni volta che prendiamo una sigaretta

agitiamo un po’ il pacchetto,

contiamo quelle che restano,

per regolarci.

Non possiamo fare lo stesso la mattina

quando ci alziamo

coi giorni, coi giri

che ci restano ancora da percorrere

intorno all’asse del mondo

mai pago, mai in calore,

ebbro di un qualsiasi amore

per spiantarsi dalla sua fossa senza radici

e muovere qualche passo con noi,

per riscaldarci, per fumarne una in compagnia.


« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 6 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »

I testi, le immagini o i video pubblicati in questa pagina, laddove non facciano parte dei contenuti o del layout grafico gestiti direttamente da LaRecherche.it, sono da considerarsi pubblicati direttamente dall'autore Pietro Menditto, dunque senza un filtro diretto della Redazione, che comunque esercita un controllo, ma qualcosa può sfuggire, pertanto, qualora si ravvisassero attribuzioni non corrette di Opere o violazioni del diritto d'autore si invita a contattare direttamente la Redazione a questa e-mail: redazione@larecherche.it, indicando chiaramente la questione e riportando il collegamento a questa medesima pagina. Si ringrazia pe la collaborazione.

 

Di seguito trovi le ultime pubblicazioni dell'autore in questa sezione (max 10)
[se vuoi leggere di più vai alla pagina personale dell'autore »]

Pietro Menditto, nella sezione Poesia, ha pubblicato anche:

:: Elenco delle somiglianze (Pubblicato il 11/07/2014 09:54:13 - visite: 1150) »

:: Un ricordo della fine (Pubblicato il 20/06/2014 08:09:15 - visite: 1104) »

:: Fino a quando? (Pubblicato il 15/04/2014 09:01:41 - visite: 971) »

:: Ed io non so se questo stupore (Pubblicato il 04/04/2014 09:10:43 - visite: 1034) »

:: Epochè (Pubblicato il 29/01/2014 08:28:26 - visite: 1043) »

:: Due colombi (Pubblicato il 18/07/2013 10:30:57 - visite: 1171) »

:: Sbando nella legge estatica (Pubblicato il 27/06/2013 10:25:13 - visite: 882) »

:: Ma allora cos’è (Pubblicato il 25/06/2013 08:00:19 - visite: 1113) »

:: Assenza di ispirazione (Pubblicato il 11/06/2013 12:05:27 - visite: 1396) »

:: La spazzola (Pubblicato il 26/04/2013 18:39:35 - visite: 1251) »