Sostieni il nostro comune progetto: diventa Socio e/o fai una donazione
:: Pagina iniziale | Autenticati | Registrati | Tutti gli autori | Biografie | Ricerca | Altri siti ::  :: Chi siamo | Contatti ::
:: Poesia | Aforismi | Prosa/Narrativa | Pensieri | Articoli | Saggi | Eventi | Autori proposti | Video proposti | 4 mani  :: Posta ::
:: Poesia della settimana | Recensioni | Interviste | Libri liberi [eBook] | I libri vagabondi [book crossing] ::  :: Commenti dei lettori ::
Premio letterario "Il Giardino di Babuk - Proust en Italie" - V edizione (2019)
 

Ogni lettore, quando legge, legge se stesso. L'opera dello scrittore è soltanto una specie di strumento ottico che egli offre al lettore per permettergli di discernere quello che, senza libro, non avrebbe forse visto in se stesso. (da "Il tempo ritrovato" - Marcel Proust)

Sei nella sezione Poesia
gli ultimi 15 titoli pubblicati in questa sezione
gestisci le tue pubblicazioni »

Pagina aperta 1044 volte, esclusa la tua visita
Ultima visita il Wed Feb 6 19:16:53 UTC+0100 2019
Moderatore »
se ti autentichi puoi inserire un segnalibro in questa pagina

La moltitudine

di Pietro Menditto
[ biografia | pagina personale | scrivi all'autore ]


[ Raccogli tutte le poesie dell'autore in una sola pagina ]

« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 3 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »




Pubblicato il 31/01/2013 17:28:57

 

                                                             

       

   La moltitudine che all'alba appena  

   al luogo si dirige dove lavorando

   sconta incomprensibile l’antica pena,

   raccoglie andando come catarro in gola

   quella che è stata la sua vita fino ad ora.

 

   Quando è giusto il peso del secreto ribollente

   e pronto al getto, dritto in un angolo lo sputa

   dove un altro popolo reietto la sera precedente

   vomitò suo spesso malto per disgrazia ricevuta.

 

   Il basalto l'acido composto velenoso erode,

   veloce la terra buca e si dispone infine fermo

   facendosi rugiada sui campi incolti dell'inferno.

 

   Nel suo sonno Satana che quasi tutto vede

   contento in un sorriso soddisfatto pensa,

   dischiudendo fascinosi gli occhi saettanti:

   "Non ancora ch'io mi levi è tempo:

    l'opera    mia    tanto    è    avanti! "

 


« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 3 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »

 

Di seguito trovi le ultime pubblicazioni dell'autore in questa sezione (max 10)
[se vuoi leggere di più vai alla pagina personale dell'autore »]

Pietro Menditto, nella sezione Poesia, ha pubblicato anche:

:: Elenco delle somiglianze (Pubblicato il 11/07/2014 09:54:13 - visite: 1093) »

:: Un ricordo della fine (Pubblicato il 20/06/2014 08:09:15 - visite: 1056) »

:: Fino a quando? (Pubblicato il 15/04/2014 09:01:41 - visite: 957) »

:: Ed io non so se questo stupore (Pubblicato il 04/04/2014 09:10:43 - visite: 1005) »

:: Epochè (Pubblicato il 29/01/2014 08:28:26 - visite: 1026) »

:: Due colombi (Pubblicato il 18/07/2013 10:30:57 - visite: 1148) »

:: Sbando nella legge estatica (Pubblicato il 27/06/2013 10:25:13 - visite: 864) »

:: Ma allora cos’è (Pubblicato il 25/06/2013 08:00:19 - visite: 1088) »

:: Assenza di ispirazione (Pubblicato il 11/06/2013 12:05:27 - visite: 1355) »

:: La spazzola (Pubblicato il 26/04/2013 18:39:35 - visite: 1219) »