Sostieni il nostro comune progetto: diventa Socio e/o fai una donazione
:: Pagina iniziale | Autenticati | Registrati | Tutti gli autori | Biografie | Ricerca | Altri siti ::  :: Chi siamo | Contatti ::
:: Poesia | Aforismi | Prosa/Narrativa | Pensieri | Articoli | Saggi | Eventi | Autori proposti | Video proposti | 4 mani  :: Posta ::
:: Poesia della settimana | Recensioni | Interviste | Libri liberi [eBook] | I libri vagabondi [book crossing] ::  :: Commenti dei lettori ::
Antologia Arte e Scienza: quale rapporto? (invia il tuo contributo entro il 15 gennaio 2020) Premio letterario "Il Giardino di Babuk - Proust en Italie" VI Edizione 2020
 

Ogni lettore, quando legge, legge se stesso. L'opera dello scrittore è soltanto una specie di strumento ottico che egli offre al lettore per permettergli di discernere quello che, senza libro, non avrebbe forse visto in se stesso. (da "Il tempo ritrovato" - Marcel Proust)

Sei nella sezione Poesia
gli ultimi 15 titoli pubblicati in questa sezione
gestisci le tue pubblicazioni »

Pagina aperta 753 volte, esclusa la tua visita
Ultima visita il Mon Oct 21 11:23:02 UTC+0200 2019
Moderatore »
se ti autentichi puoi inserire un segnalibro in questa pagina

Certe idee di Dio

di Franca Alaimo
[ biografia | pagina personale | scrivi all'autore ]


[ Raccogli tutte le poesie dell'autore in una sola pagina ]

« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 8 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »




Pubblicato il 16/04/2016 16:09:57

 

Me lo hanno somministrato

in pillole di saggezza banale:

mi hanno detto che è onnipotente

immenso  e onnipresente

e però lo chiudevano a chiave

dentro un angusto ciborio

come per paura che Dio

fuggisse via come un ergastolano.

Ma io no, non ci ho mai creduto.

Giravo attorno a me stessa

con le braccia aperte e lo toccavo

nell’aria e gli baciavo i piedi di vento

che passeggiavano nel mondo.

Gli parlavo della gioia d’essere viva

e lo sentivo gorgheggiare tra gli alberi.

Io, io dicevo, anzi noi, noi, e tutto

tutto questo che non finisce mai.

Cadevo sotto l’ombra del nocciolo:

la sua ombra mi copriva piano.

Qualche volta mi addormentavo

e lo sognavo ed era un sogno bello

di quelli che ti svegli e ridi

a tutto ciò che vedi.

 


« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 8 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »

I testi, le immagini o i video pubblicati in questa pagina, laddove non facciano parte dei contenuti o del layout grafico gestiti direttamente da LaRecherche.it, sono da considerarsi pubblicati direttamente dall'autore Franca Alaimo, dunque senza un filtro diretto della Redazione, che comunque esercita un controllo, ma qualcosa può sfuggire, pertanto, qualora si ravvisassero attribuzioni non corrette di Opere o violazioni del diritto d'autore si invita a contattare direttamente la Redazione a questa e-mail: redazione@larecherche.it, indicando chiaramente la questione e riportando il collegamento a questa medesima pagina. Si ringrazia pe la collaborazione.

 

Di seguito trovi le ultime pubblicazioni dell'autore in questa sezione (max 10)
[se vuoi leggere di più vai alla pagina personale dell'autore »]

Franca Alaimo, nella sezione Poesia, ha pubblicato anche:

:: Per sempre (Pubblicato il 20/06/2017 19:00:23 - visite: 605) »

:: Mezza bambina (Pubblicato il 06/02/2017 23:08:45 - visite: 962) »

:: Metamorfosi dei morti (Pubblicato il 02/11/2016 19:12:00 - visite: 581) »

:: La rosa sulle macerie (Pubblicato il 28/08/2016 09:46:41 - visite: 614) »

:: E al mattino, di nuovo (Pubblicato il 26/08/2016 15:37:43 - visite: 837) »

:: Nostalgie (Pubblicato il 03/05/2016 00:21:58 - visite: 883) »

:: Amore senza amore (Pubblicato il 19/01/2016 20:09:08 - visite: 782) »

:: Le trombe degli angeli (Pubblicato il 08/01/2015 16:32:03 - visite: 1010) »

:: Il piccolo poema della fine (Pubblicato il 01/12/2014 20:38:30 - visite: 1044) »

:: Per Gianmario Lucini (Pubblicato il 30/10/2014 15:59:59 - visite: 1166) »