Sostieni il nostro comune progetto: diventa Socio e/o fai una donazione
:: Pagina iniziale | Autenticati | Registrati | Tutti gli autori | Biografie | Ricerca | Altri siti ::  :: Chi siamo | Contatti ::
:: Poesia | Aforismi | Prosa/Narrativa | Pensieri | Articoli | Saggi | Eventi | Autori proposti | Video proposti | 4 mani  :: Posta ::
:: Poesia della settimana | Recensioni | Interviste | Libri liberi [eBook] | I libri vagabondi [book crossing] ::  :: Commenti dei lettori ::
ANNIVERSARIO PROUST: 10 luglio 1871 - 10 luglio 2019
Una notte magica [ Magie e cunicoli spaziotemporali ], Aa. Vv.
Presentazione il 22 settembre 2019, ore 17 presso il Villaggio Cultura – Pentatonic
 

Ogni lettore, quando legge, legge se stesso. L'opera dello scrittore è soltanto una specie di strumento ottico che egli offre al lettore per permettergli di discernere quello che, senza libro, non avrebbe forse visto in se stesso. (da "Il tempo ritrovato" - Marcel Proust)

Sei nella sezione Poesia
gli ultimi 15 titoli pubblicati in questa sezione
gestisci le tue pubblicazioni »

Pagina aperta 1021 volte, esclusa la tua visita
Ultima visita il Tue Jul 16 01:59:59 UTC+0200 2019
Moderatore »
se ti autentichi puoi inserire un segnalibro in questa pagina

Il piccolo poema della fine

di Franca Alaimo
[ biografia | pagina personale | scrivi all'autore ]


[ Raccogli tutte le poesie dell'autore in una sola pagina ]

« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 14 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »




Pubblicato il 01/12/2014 20:38:30

 

Basta scuotere la testa e fare scivolare le nubi

Lontano, mentre la barca si allontana con le sue vele nere

Portando verso la distanza sempre più intoccabile dell’orizzonte

La sua navigazione senza approdi.

Resto nuda sulla mia tavoletta d’argilla

Cosparsa di sinuose investigazioni 

Dopo essermi tolta la benda dagli occhi,

La cintura irta di chiodi ai fianchi, la corona di spine dal capo.

 

*

 

O Dio - grido - dell’Olimpo, o Dio morto sugli assi del dolore

Assorta serenità del Buddha senza immagini, oh carità della vita!

Vengono sempre gli dèi se invocati talvolta sotto forma di animali miti,

Che annusano con i musi umidi e pietosi i pochi centimetri

Tra la gola ed il coltello. Oh Isacco, Isacco, timore e tremore!

Vengono con la parola di un angelo onirico come testimone di verginità.

 

*

 

Una volta - ricordo -  Lui, il ragazzo dell’amore mistico,

Guidava un tram rosso fiammante ed io ero una ragazza

Sfatta di pioggia e di gocce di lacrime. Lui mi chiese dove stai andando?

Portami  - gli dissi - in quel giardino dove crescono more giganti.

E ci andammo davvero.  E là non pioveva.

Vengono sempre gli dèi sciolti nell’aria,

Nel sole, cadendo tra le dita, soffiando gioie con i venti

D’Oriente ed Occidente. 

 

*

 

Oggi, invece, Lui ha preso l’aspetto di un piccolo zingaro

Con i piedi nudi e una camicina di tela bianca,

le rotule rotonde come due pesche ed i capelli ricci

Ubbidienti alla bellezza dell’oro. Tiene la testa

Teneramente inclinata come le fanciulle del Botticelli

Ed ha un cavallino  tutto bardato di rose chiare

Come la pelle di una neonata sotto cui scorrono

I dolci fiumi azzurri della sorgente della vita.

 

*

 

Sali - mi dice -  seminando chicchi  sul dorso delle mani

Come in  piccoli appezzamenti da coltivare con il sole

E la luna  e la fame  e la sete e soprattutto con un azzurro senza fine.

Mi porta silenzioso: il cavallino è di cristallo, le redini di seta,

Finché il silenzio mi scoppia nel cuore come la più alta felicità.

 

*

 

O madre - canta finalmente il cuore - nella tua lingua sconosciuta,

Nella tua scomparsa gentile è il segreto: amore della memoria,

Ti ascolto mentre parli con la voce luccicante della pioggia

E mi aspergi nel battesimo, mio girasole sempre volto alla luce.

 


« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 14 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »

I testi, le immagini o i video pubblicati in questa pagina, laddove non facciano parte dei contenuti o del layout grafico gestiti direttamente da LaRecherche.it, sono da considerarsi pubblicati direttamente dall'autore Franca Alaimo, dunque senza un filtro diretto della Redazione, che comunque esercita un controllo, ma qualcosa può sfuggire, pertanto, qualora si ravvisassero attribuzioni non corrette di Opere o violazioni del diritto d'autore si invita a contattare direttamente la Redazione a questa e-mail: redazione@larecherche.it, indicando chiaramente la questione e riportando il collegamento a questa medesima pagina. Si ringrazia pe la collaborazione.

 

Di seguito trovi le ultime pubblicazioni dell'autore in questa sezione (max 10)
[se vuoi leggere di più vai alla pagina personale dell'autore »]

Franca Alaimo, nella sezione Poesia, ha pubblicato anche:

:: Per sempre (Pubblicato il 20/06/2017 19:00:23 - visite: 575) »

:: Mezza bambina (Pubblicato il 06/02/2017 23:08:45 - visite: 922) »

:: Metamorfosi dei morti (Pubblicato il 02/11/2016 19:12:00 - visite: 558) »

:: La rosa sulle macerie (Pubblicato il 28/08/2016 09:46:41 - visite: 591) »

:: E al mattino, di nuovo (Pubblicato il 26/08/2016 15:37:43 - visite: 813) »

:: Nostalgie (Pubblicato il 03/05/2016 00:21:58 - visite: 864) »

:: Certe idee di Dio (Pubblicato il 16/04/2016 16:09:57 - visite: 732) »

:: Amore senza amore (Pubblicato il 19/01/2016 20:09:08 - visite: 766) »

:: Le trombe degli angeli (Pubblicato il 08/01/2015 16:32:03 - visite: 987) »

:: Per Gianmario Lucini (Pubblicato il 30/10/2014 15:59:59 - visite: 1142) »