:: Pagina iniziale | Autenticati | Registrati | Tutti gli autori | Biografie | Ricerca | Altri siti ::  :: Chi siamo | Contatti ::
:: Poesia | Aforismi | Prosa/Narrativa | Pensieri | Articoli | Saggi | Eventi | Autori proposti | 4 mani  ::
:: Poesia della settimana | Recensioni | Interviste | Libri liberi [eBook] | I libri vagabondi [book crossing] ::  :: Commenti dei lettori ::
🖋 L'età della rovina a Nardò (Lecce) il 28 gennaio 2023
🖋 Memoria o scrittura retrospettiva? a Roma il 29 gennaio 2023
 

Ogni lettore, quando legge, legge se stesso. L'opera dello scrittore è soltanto una specie di strumento ottico che egli offre al lettore per permettergli di discernere quello che, senza libro, non avrebbe forse visto in se stesso. (da "Il tempo ritrovato" - Marcel Proust)

Sei nella sezione Saggi
gli ultimi 15 titoli pubblicati in questa sezione
gestisci le tue pubblicazioni »

Pagina aperta 100 volte, esclusa la tua visita
Ultima visita il Sat Jan 28 10:22:05 UTC+0100 2023
Moderatore »
se ti autentichi puoi inserire un segnalibro in questa pagina

Il cervello plastico

Argomento: Scienza

di guido brunetti
[ biografia | pagina personale | scrivi all'autore ]


[ Raccogli tutti i saggi dell'autore in una sola pagina ]

« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 0 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »




Pubblicato il 10/10/2022 12:24:43

 

Guido Brunetti

Il cervello plastico

 

Una delle più affascinanti scoperte delle neuroscienze realizzate in questi ultimi anni è quella riguardante la plasticità  del cervello. Questa struttura è una vera "spugna" che assorbe gli stimoli ambientali necessari per lo sviluppo cognitivo, emotivo e sociale della persona. L'estrema plasticità del cervello fa sì che ogni cervello è diverso da tutti gli altri.

 

La neuroplasticità è un "talento unico", la proprietà di modificare se stesso e di "autoripararsi", scrive Michela Matteoli nel suo libro "Il talento del cervello" (Sonzogno, 2022). Può evolversi sempre nel corso della vita ed espandersi letteralmente, costruendo nuove connessioni neurali e sinaptiche.

 

Fino a pochi anni fa, si riteneva che il cervello fosse un organo "immutabile". Oggi, sappiamo che questa teoria è errata, poiché il cervello ha la capacità di modellarsi e rimodellarsi continuamente, di cambiare se stesso e di riorganizzare ogni sua parte per compensare le carenze dovute a traumi o al processo di invecchiamento. 

 

Esperimenti effettuati in materia, hanno mostrato che animali cresciuti in ambienti stimolanti "imparano" meglio di altri allevati in ambienti poveri. La plasticita cerebrale è un fenomeno costante nel corso della nostra esistenza, potendo migliorare le capacità cognitive, aumentare il peso della corteccia cerbrale, modificare milioni di connessioni neurali, e la struttura stessa del cervello.

 

La legge della plasticità- use it or lose it, usalo o lo perderai- si applica in tutto il cervello. Il nostro cervello viene modificato sia dal punto di vista fisico che funzionale ogni volta che impariamo una nuova capacità. Ogni attività- fisica, sensoriale, di tempo libero, ogni apprendimento, pensiero, leggere, studiare, ecc. - "modifica" il cervello e la mente.

 

E' fondamentale allora mantenere sempre in attività il cervello.

Finora, le ricerche neuroscientifiche hanno dimostrato che le strategie fondamentali per la "giovinezza" del cervello, e per rallentare l'invecchiamento e prevenire le patologie neurodegenerative sono: stimolazione mentale, movimento, corretta alimentazione, vita attiva, riposo, sonno e avere un atteggiamento positivo su stessi, gli altri e il mondo.

 

La lettura, ad esempio, così come la musica, il teatro, i concerti, le mostre arricchiscono il nostro cervello, sono una "magia" per la mente (Matteoli): i libri sono un dialogo tra anime, ci fanno sperimentare idee, pensieri ed emozioni di altre persone, ci fanno viaggiare nel tempo e nello spazio.

 

Come hanno evidenziato recenti studi, anche l'attività fisica migliora le prestazioni cognitive e contribuisce alla nascita e alla sopravvivenza dei neuroni, influenzando l'attività cardiaca, la circolazione sanguigna e  controllare la glicemia.

 

Un altro fattore importante è l'alimentazione, la quale deve essere completa e varia. Indispensabili, sono verdure, frutta, cereali, legumi, pesce, pollame.

Il cervello assorbe circa il 20 per cento dell'energia complessiva che consumiamo a riposo. Numerose ricerche affermano che un'alimentazione corretta riesce a ridurre l'invecchiamento del cervelloe e di contrastare malattie, come l'Alzheimer. Il consumo di un'alimentazione ipercalorica compromette aree del cervello, le funzioni cognitive,  metaboliche e del sistema nervoso, inclusi i disturbi della cognizione e l'invecchiamento cerebrale.

 

Una funzione vitale è svolta dal sonno. Una ricerca di alcuni anni fa ha scoperto che topi privati del sonno morivano entro un mese. Il sonno è articolato in varie fasi: si inizia con il sonno leggero, si passa al sonno profondo e si perviene al sonno a movimento rapido degli occhi (REM), fase in cui l'attività del cervello è intensa. L'ideale è dormire sette-otto ore a notte. 

 

Un fattore di rischio è la solitudine. Questa è associata a una riduzione degli anni di vita ed è una minaccia alla sopravvivenza. La solitudine genera ansia, depressione, stress, disturbi che aumentano i livelli di cortisolo, un ormone che ha un effetto dannoso sui processi biologici e mentali.

 

I nemici principali del cervello sono le patologie neurodegenerative, come l'Alzheimer, il Parkinson, la schizofrenia, l'autismo, la depressione. Allo stato delle nostre conoscenze, non abbiamo farmaci che guariscano da queste patologie. I medicinati trattano i sintomi. Occorre adottare strategie di prevenzione, come abbiamo indicato sopra, allo scopo di creare nuovi neuroni e nuove sinapsi e rendere le aree del cervello più plastiche.

 

Uomini e donne, infine, sono "differenti" sia sul piano biologico che fisiologico. Essi sono diversi nell'invecchiamento, nel sistema immunitario, nel linguaggio verbale, nell'aggressività, sul piano affettivo ed emotivo. Il cervello delle donne è strutturato per l'empatia e l'intuizione, mentre quello maschile è orientato alla razionalità e all'azione. Finora, la ricerca ha chiarito che la maggior parte dei cervelli è formata da un insime di caratteristiche uniche, alcune più comuni nelle donne, altre negli uomini.

 

 


« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 0 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »

I testi, le immagini o i video pubblicati in questa pagina, laddove non facciano parte dei contenuti o del layout grafico gestiti direttamente da LaRecherche.it, sono da considerarsi pubblicati direttamente dall'autore guido brunetti, dunque senza un filtro diretto della Redazione, che comunque esercita un controllo, ma qualcosa può sfuggire, pertanto, qualora si ravvisassero attribuzioni non corrette di Opere o violazioni del diritto d'autore si invita a contattare direttamente la Redazione a questa e-mail: redazione@larecherche.it, indicando chiaramente la questione e riportando il collegamento a questa medesima pagina. Si ringrazia per la collaborazione.

 

Di seguito trovi le ultime pubblicazioni dell'autore in questa sezione (max 10)
[se vuoi leggere di più vai alla pagina personale dell'autore »]

guido brunetti, nella sezione Saggio, ha pubblicato anche:

:: [ Filosofia/Scienza ] Dare un senso all’esistenza. Le questioni ultime (Pubblicato il 26/01/2023 18:06:43 - visite: 28) »

:: [ Scienza ] Disturbo paranoide di personalità (Pubblicato il 03/01/2023 12:51:32 - visite: 44) »

:: [ Letteratura ] Il cucciolo Kimi: l’ombra più dolce (Pubblicato il 15/12/2022 09:21:52 - visite: 43) »

:: [ Letteratura ] Kimi, un amore di cucciolo. Ciao (Pubblicato il 15/12/2022 09:16:15 - visite: 73) »

:: [ Filosofia/Scienza ] Il telaio magico (Pubblicato il 23/11/2022 12:07:06 - visite: 115) »

:: [ Filosofia/Scienza ] Il rapporto anima-cervello (Pubblicato il 24/10/2022 15:09:39 - visite: 73) »

:: [ Scienza ] Neuroscienze. Cervello, mente e coscienza (Pubblicato il 18/09/2022 15:28:30 - visite: 225) »

:: [ Filosofia/Scienza ] Tecniche di brain imaging e coscienza (Pubblicato il 10/07/2022 16:00:44 - visite: 164) »

:: [ Filosofia/Scienza ] Frammenti di neuroscienze (Pubblicato il 02/07/2022 16:04:30 - visite: 225) »

:: [ Scienza ] Attaccamento (Pubblicato il 25/06/2022 16:52:40 - visite: 128) »