:: Pagina iniziale | Autenticati | Registrati | Tutti gli autori | Biografie | Ricerca | Altri siti ::  :: Chi siamo | Contatti ::
:: Poesia | Aforismi | Prosa/Narrativa | Pensieri | Articoli | Saggi | Eventi | Autori proposti | Video proposti | 4 mani  ::
:: Poesia della settimana | Recensioni | Interviste | Libri liberi [eBook] | I libri vagabondi [book crossing] ::  :: Commenti dei lettori ::
Premio "Il Giardino di Babuk - Proust en Italie" VII Edizione 2021: classifica
 

Ogni lettore, quando legge, legge se stesso. L'opera dello scrittore è soltanto una specie di strumento ottico che egli offre al lettore per permettergli di discernere quello che, senza libro, non avrebbe forse visto in se stesso. (da "Il tempo ritrovato" - Marcel Proust)

Sei nella sezione Articoli
gli ultimi 15 titoli pubblicati in questa sezione
gestisci le tue pubblicazioni »

Pagina aperta 32 volte, esclusa la tua visita
Ultima visita il Wed Apr 7 17:25:13 UTC+0200 2021
Moderatore »
se ti autentichi puoi inserire un segnalibro in questa pagina

Un ombra ben presto sarai di Osvaldo Soriano

Argomento: Letteratura

di Alberto Castrini
[ biografia | pagina personale | scrivi all'autore ]


[ Raccogli tutti gli articoli dell'autore in una sola pagina ]

« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 0 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »




Pubblicato il 07/02/2021 22:17:14

 

Osvaldo Soriano giornalista e scrittore argentino (Mar del Plata 1943- Buenos Aires 1997) è abbastanza conosciuto anche in Europa.

Inizia la sua attività come giornalista nella metà degli anni sessanta, e la sua fama inizia con il racconto”Triste, solitario Y final” del 1973.

Con il sanguinoso golpe militare del 1976, lascia il paese per stabilirsi in Europa dove rimarrà sino al ritorno della democrazia.

Al suo rientro, nel 1984, oltre al giornalismo proseguirà, ormai celebre, l’opera di scrittore fino alla fine.

Grande appassionato di calcio e di cinema trasporterà queste passioni nelle sue numerose opere.

Il testo in questione, prende il titolo dal famoso tango Caminito, è del 1990 ed è la storia di un informatico ritornato in Argentina nella speranza che il ripristino della libertà significhi anche riscatto economico suo e del paese.

Farà il viaggio assieme ai personaggi più incredibili; un’astrologa imbrogliona, un banchiere divenuto giocatore d’azzardo, un impresario di circo in rovina, dei militari e ragazzi che emigrano. Un’umanità di perdenti.

La vicenda non può che essere ambientata nella pampa sterminata, nell’infinito nulla.

Il protagonista di questo viaggio, che non va da nessuna parte, si lascia trainare dai fatti senza imporsi o lottare, come un impotente naufrago, circondato da personaggi grotteschi.

Si tratta, con la scrittura piacevolissima che gli è congeniale, di un’amara metafora sul popolo argentino, sulla sua ricerca d’identità, sulla solitudine.

Anni dopo Marcos Aguinis, autore purtroppo poco tradotto, analizzerà lucidamente lo stesso tema nei due splendidi volumi: “El atroz encanto de ser argentinos”.

Soriano urla disperato “perché non possiamo smettere d’essere ridicoli, patetici, suicidi melanconici, pronti a cadere in tutte le trappole della Storia e patire per tutti i governi dopo aver creduto alle loro promesse?”

Non si tratta stavolta dell’impossibilità dell’esistere, del mal vivere, ma dell’impietosa analisi di un paese tanto amato e raffigurato icasticamente come un treno pronto per partire ma senza macchinista e passeggeri.

 

 


« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 0 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »

I testi, le immagini o i video pubblicati in questa pagina, laddove non facciano parte dei contenuti o del layout grafico gestiti direttamente da LaRecherche.it, sono da considerarsi pubblicati direttamente dall'autore Alberto Castrini, dunque senza un filtro diretto della Redazione, che comunque esercita un controllo, ma qualcosa può sfuggire, pertanto, qualora si ravvisassero attribuzioni non corrette di Opere o violazioni del diritto d'autore si invita a contattare direttamente la Redazione a questa e-mail: redazione@larecherche.it, indicando chiaramente la questione e riportando il collegamento a questa medesima pagina. Si ringrazia per la collaborazione.

 

Di seguito trovi le ultime pubblicazioni dell'autore in questa sezione (max 10)
[se vuoi leggere di più vai alla pagina personale dell'autore »]

Alberto Castrini, nella sezione Articolo, ha pubblicato anche:

:: [ Letteratura ] L’alfabeto dell’estasi Vita di Emily Dickinson di Barbara La (Pubblicato il 07/03/2021 22:15:39 - visite: 27) »

:: [ Letteratura ] Confesso che ho vissuto di Pablo Neruda (Pubblicato il 10/02/2021 22:39:03 - visite: 45) »

:: [ Religione ] Senza Dio di Giulio Giorello (Pubblicato il 13/08/2020 22:07:59 - visite: 90) »

:: [ Storia ] Hitler di Joachim Fest (Pubblicato il 16/04/2020 22:36:02 - visite: 174) »

:: [ Storia ] I Crociati di Johannes Lehman (Pubblicato il 18/03/2019 23:47:08 - visite: 368) »

:: [ Storia ] La Grande guerra, un racconto in cento immagini (Pubblicato il 10/01/2019 22:19:04 - visite: 259) »

:: [ Letteratura ] la lotta col demone: hölderlin, von kleist, nietzsche (Pubblicato il 20/12/2018 21:46:34 - visite: 351) »

:: [ Politica ] La scuola dei dittatori di Ignazio Silone (Pubblicato il 27/06/2018 21:32:02 - visite: 327) »

:: [ Musica ] Guida al teatro d’Opera di Aldo Nicastro (Pubblicato il 16/05/2018 22:11:43 - visite: 282) »

:: [ Fede ] Dio e il suo destino (Pubblicato il 15/07/2017 21:48:41 - visite: 610) »