Sostieni il nostro comune progetto: diventa Socio e/o fai una donazione
:: Pagina iniziale | Autenticati | Registrati | Tutti gli autori | Biografie | Ricerca | Altri siti ::  :: Chi siamo | Contatti ::
:: Poesia | Aforismi | Prosa/Narrativa | Pensieri | Articoli | Saggi | Eventi | Autori proposti | Video proposti | 4 mani  :: Posta ::
:: Poesia della settimana | Recensioni | Interviste | Libri liberi [eBook] | I libri vagabondi [book crossing] ::  :: Commenti dei lettori ::
Premio "Il Giardino di Babuk - Proust en Italie" VII Edizione 2021
 

Ogni lettore, quando legge, legge se stesso. L'opera dello scrittore è soltanto una specie di strumento ottico che egli offre al lettore per permettergli di discernere quello che, senza libro, non avrebbe forse visto in se stesso. (da "Il tempo ritrovato" - Marcel Proust)

Sei nella sezione Prosa/Narrativa
gli ultimi 15 titoli pubblicati in questa sezione
gestisci le tue pubblicazioni »

Pagina aperta 115 volte, esclusa la tua visita
Ultima visita il Tue Oct 20 08:57:38 UTC+0200 2020
Moderatore »
se ti autentichi puoi inserire un segnalibro in questa pagina

Epistemologia d’un riverbero, forse.

di Filippo Di Lella
[ biografia | pagina personale | scrivi all'autore ]


[ Raccogli tutti i testi in prosa dell'autore in una sola pagina ]

« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 0 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »




Pubblicato il 17/04/2020 16:24:54

Il sole sempre guardò benigno la terra e le sue messi...

Le tirò un gran pacca sulla chiappa destra aggiungendo un sonoro:
- Bella strappona! -
e l'eco si sparse tra i portici e rimbalzò qua e là tra le facciate dei palazzi, talvolta entrando da una finestra aperta e scivolando poi sulle scale dalla fessura di una vecchia porta, talvolta sui portoni, sui balconi e sulle saracinesche abbassate di una domenica pomeriggio persa nel mare dei giorni qualunque di una qualsiasi città.
Ma l'eco, un po' stanca, non si fermò ai sorrisetti vicini di chi la sentì e nemmeno alle lacrime di una puttana in periferia, non si fermò ai magazzini chiusi di una grande multinazionale del tabacco e nemmeno si disperse nel grande campo di mais vicino al fiume; a volte succede che un evento riduca tantissimo la sua risonanza pur di rimanere intatto nella sua sostanza e così fu per quell'eco in quella data circostanza, in quell'ora precisa tra la precessione astrale degli assi, ridusse cioè il suo riverbero fino a divenire una piccola vibrazione quasi impercettibile in tutto questo simulato silenzio che è la vita.
E ridotta, rimpicciolita, conservò intatto quel suo messaggio e aumentò la sua velocità e con essa il suo raggio d'azione e in virtù della legge che tanto governa, aumentò la sua energia che risultò essere uguale alla sua massa moltiplicata per l'accelerazione alla seconda potenza.
In virtù d'un altro fatto ecumenico, ovvero che nessuna energia è sprecata o spenta nell'universo fisico, trasformò la sua essenza e con tali simili forze a giovarle causa, non poté che vincere la grande corsa che caratterizza ogni aspetto tangibile del nostro essere: continuare ed evolvere.
La precisione chirurgica del caso non cadde mai vana dall'inizio dei secoli né mai lo farà, d'altro canto non ci è dato di continuare a postulare regole per poi cambiarle o ignorarle quando ci torna comodo, fermo restando che (cito) la chiamano [fisica], prende in giro se stessa e non sa nemmeno come (fine citazione) quindi, amico lettore, da Marzo a Febbraio sarà sempre vera una regola e una soltanto:
Tutto ciò che fai riecheggia per sempre e l'universo sorride solo quando ne ha davvero voglia (o magari quando si sente un sonoro -Bella strappona!- che sorvola le lacrime più amare sulle città degli uomini) o quando finalmente materializza un arto proprio lì dove serve, provare per credere.

« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 0 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »

I testi, le immagini o i video pubblicati in questa pagina, laddove non facciano parte dei contenuti o del layout grafico gestiti direttamente da LaRecherche.it, sono da considerarsi pubblicati direttamente dall'autore Filippo Di Lella, dunque senza un filtro diretto della Redazione, che comunque esercita un controllo, ma qualcosa può sfuggire, pertanto, qualora si ravvisassero attribuzioni non corrette di Opere o violazioni del diritto d'autore si invita a contattare direttamente la Redazione a questa e-mail: redazione@larecherche.it, indicando chiaramente la questione e riportando il collegamento a questa medesima pagina. Si ringrazia per la collaborazione.

 

Di seguito trovi le ultime pubblicazioni dell'autore in questa sezione (max 10)
[se vuoi leggere di più vai alla pagina personale dell'autore »]

Filippo Di Lella, nella sezione Narrativa, ha pubblicato anche:

:: La battuta è morta, viva la battuta! (Pubblicato il 07/08/2020 12:25:27 - visite: 66) »

:: Lettera di un Cristo nero (Pubblicato il 04/08/2020 17:03:05 - visite: 35) »

:: Io e Borel, ovvero scimmia chiamata Luigi (Pubblicato il 30/05/2020 12:23:13 - visite: 118) »

:: Un mattino come tanti, Professore! (Pubblicato il 27/05/2020 11:57:00 - visite: 112) »

:: Collezione semi seria di piccole crudeltà (Pubblicato il 06/05/2020 16:49:09 - visite: 227) »

:: Epifania! (Pubblicato il 14/12/2019 12:29:25 - visite: 185) »

:: Prelavaggio o, meglio, scusami vicino! (Pubblicato il 13/06/2019 23:41:05 - visite: 160) »

:: Anatomia d’un romanzetto banale (Pubblicato il 29/03/2019 08:55:57 - visite: 221) »

:: Ancora un altro sogno, Professore! (Pubblicato il 16/03/2019 16:52:04 - visite: 266) »

:: Strage di passaggio (Pubblicato il 07/03/2019 21:40:22 - visite: 265) »