Sostieni il nostro comune progetto: diventa Socio e/o fai una donazione
:: Pagina iniziale | Autenticati | Registrati | Tutti gli autori | Biografie | Ricerca | Altri siti ::  :: Chi siamo | Contatti ::
:: Poesia | Aforismi | Prosa/Narrativa | Pensieri | Articoli | Saggi | Eventi | Autori proposti | Video proposti | 4 mani  :: Posta ::
:: Poesia della settimana | Recensioni | Interviste | Libri liberi [eBook] | I libri vagabondi [book crossing] ::  :: Commenti dei lettori ::
ANTOLOGIA PROUSTIANA 2019: UNA NOTTE MAGICA | partecipa
Premio letterario "Il Giardino di Babuk - Proust en Italie"
 

Ogni lettore, quando legge, legge se stesso. L'opera dello scrittore è soltanto una specie di strumento ottico che egli offre al lettore per permettergli di discernere quello che, senza libro, non avrebbe forse visto in se stesso. (da "Il tempo ritrovato" - Marcel Proust)

Sei nella sezione Poesia
gli ultimi 15 titoli pubblicati in questa sezione
gestisci le tue pubblicazioni »

Pagina aperta 100 volte, esclusa la tua visita
Ultima visita il Sun Jun 2 19:19:32 UTC+0200 2019
Moderatore »
se ti autentichi puoi inserire un segnalibro in questa pagina

De profundis clamavi

di Stefano Verrengia
[ biografia | pagina personale | scrivi all'autore ]


[ Raccogli tutte le poesie dell'autore in una sola pagina ]

« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 3 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »




Pubblicato il 15/02/2019 10:49:41

DE PROFUNDIS CLAMAVI

Gigantesca, come il mare,
in te la mia anima pesca
abissi sconosciuti, muti
attimi di immensità.
Lascio i crocifissi
d'oro e viltà
agl'uomini che cercano
l'eterno in un perno
di ferro che s'apre
e mostra solo panche
e un po' di acqua sporca
in un lavacro.
In te tutto quel che è sacro
non si vede, è nascosto,
mosto dell'anima,
piede nell'ombra.
Con te ho dormito
sdraiato sulle nuvole,
cullato dal vento
come una vela
che di sera leggera
sfiorava le onde, 
come una prua 
che di sera leggera
fendeva il buio, 
spada di legno.
Il tuo disegno
non conosco. 
Nessuno lo conosce, 
forse solo le cosce 
di una donna che danza
fra i miei incubi, 
che con i suoi occhi
brillanti mi osserva, 
stelle orbitanti
attorno a un buco nero. 
Ti prego, aleggia 
fra i miei versi 
come cieli tersi 
in un malinconico
Gennaio. 
Ti prego, fertilizza 
le mie rime 
come concime 
per le petunie:
il dubbio, il vino 
e la disperazione 
hanno bruciato 
questa terra
ed i miei pensieri 
son contadini 
incapaci di far
fiorire anche solo 
un verde germoglio. 
Questo foglio è un pozzo
senza fine, 
e sulle pareti ha spine, 
roveti inestricabili 
che non mi fanno
risalire:
sono intrappolato 
come una mosca
nella fitta tela 
di questo dolore. 
Ti prego, Poesia, 
dammi solo una parola, 
anche una sola 
che mi illuda,
che la mia anima nuda
trascini nel vento. 


« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 3 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »

 

Di seguito trovi le ultime pubblicazioni dell'autore in questa sezione (max 10)
[se vuoi leggere di più vai alla pagina personale dell'autore »]

Stefano Verrengia, nella sezione Poesia, ha pubblicato anche:

:: Cane randagio (Pubblicato il 12/06/2019 21:36:54 - visite: 20) »

:: Suite notturna (Pubblicato il 17/05/2019 10:58:07 - visite: 31) »

:: L’attesa (Pubblicato il 08/05/2019 20:15:36 - visite: 46) »

:: Fiori elettrici (Pubblicato il 03/05/2019 16:32:14 - visite: 56) »

:: Suite di un attimo (Pubblicato il 01/05/2019 11:05:29 - visite: 37) »

:: Primavera (Pubblicato il 26/04/2019 22:03:34 - visite: 42) »

:: Metamorfosi (Pubblicato il 23/04/2019 19:27:37 - visite: 51) »

:: De relictis dei (Pubblicato il 20/04/2019 13:36:56 - visite: 90) »

:: Risveglio (Pubblicato il 12/04/2019 18:42:45 - visite: 76) »

:: Rapsodia in Re min (Pubblicato il 11/04/2019 18:15:56 - visite: 73) »