:: Pagina iniziale | Autenticati | Registrati | Tutti gli autori | Biografie | Ricerca | Altri siti ::  :: Chi siamo | Contatti ::
:: Poesia | Aforismi | Prosa/Narrativa | Pensieri | Articoli | Saggi | Eventi | Autori proposti | Video proposti | 4 mani  ::
:: Poesia della settimana | Recensioni | Interviste | Libri liberi [eBook] | I libri vagabondi [book crossing] ::  :: Commenti dei lettori ::
🖋 Premio Il Giardino di Babuk - Proust en Italie - VIII edizione 2022
 

Ogni lettore, quando legge, legge se stesso. L'opera dello scrittore è soltanto una specie di strumento ottico che egli offre al lettore per permettergli di discernere quello che, senza libro, non avrebbe forse visto in se stesso. (da "Il tempo ritrovato" - Marcel Proust)

Sei nella sezione Articoli
gli ultimi 15 titoli pubblicati in questa sezione
gestisci le tue pubblicazioni »

Pagina aperta 51 volte, esclusa la tua visita
Ultima visita il Thu May 26 00:47:57 UTC+0200 2022
Moderatore »
se ti autentichi puoi inserire un segnalibro in questa pagina

Buon primo maggio

Argomento: Società

di AvvocatoD’Aiuto
[ biografia | pagina personale | scrivi all'autore ]


[ Raccogli tutti gli articoli dell'autore in una sola pagina ]

« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 0 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »




Pubblicato il 01/05/2022 12:36:08

Primo maggio ventiventidue. Di Pasquale D’Aiuto, avvocato. Conosco avvocati che non riescono a reperire clientela, che devono contentarsi di multe ed incarichi ambigui, che si fanno carico delle sempre più alte spese di causa e non chiedono acconti ai clienti perché quelli non cambino parrocchia; che gestiscono una separazione per trecento euro; che domandano a terzi il denaro per poter pagare la propria previdenza obbligatoria, vissuta come una gabella ingiusta, in funzione di un futuro che non esiste. Che non si sentono rappresentati dai propri delegati e, forse, non lo sono per davvero. Ma anche avvocati che hanno goduto delle prebende covid perché non dichiarano che pochi euro all’erario, fregandosene se, così facendo, siano sleali nei confronti dei propri colleghi. (Io stesso, sulla mia pelle, percepisco con dolore e preoccupazione un’avvocatura che esiste soltanto sul vocabolario. Sarò tra i fortunati che riusciranno a versare tasse e contributi? Resisterò? Esisterò?) Conosco medici che non possono godere che di un solo fine settimana libero ogni mese se va bene. Che trascorrono nove notti ogni trenta in ospedale. Che ricevono telefonate anche quando sono a casa – e certo non da pazienti privati. Che non staccano mai, non riposano mai. Che non sanno se potranno godere delle ferie estive. Che non possono organizzare gite coi figli e si sentono in colpa. Che non hanno tempo per la formazione professionale. Questi medici, che salvano vite umane, spesso lavorano in condizioni disagiate, con apparecchiature e strumenti obsoleti; hanno a che fare con un’utenza maleducata, disperata, sospettosa. Sono stanchi, sfiduciati. Sottopagati rispetto agli omologhi francesi, tedeschi, inglesi, americani. Conosco artigiani che lavorano tantissimo ed anche bene. Alcuni disonesti, inaffidabili; molti altri seri e degni di fede. I secondi non riescono a tener dietro ai clienti, lavorano anche il sabato, a cinquant’anni sono fisicamente compromessi e ne dimostrano quindici in più. Questi imprenditori di se stessi lamentano di non riuscire a trovare collaboratori e pupilli perché questi ultimi preferiscono chiedere la paghetta ai familiari e guardarsi le partite sul divano, sazi delle pensioni d’invalidità di qualche anziano e del reddito di cittadinanza – per cui s’ingegnano a dimostrare requisiti inesistenti od a crearli ad arte. Sospetto che più di qualcuno che conosco percepisca l’aiuto di Stato, salvo poi guadagnare migliaia di euro al mese di lavoretti in nero. Vedo caste, in Italia. Non solo nella politica. Inattaccabili, intangibili, fortissime: caste, appunto. Prodigiosamente, pervicacemente attaccate ai propri privilegi. Rappresentate con determinazione feroce nelle istituzioni. Vedo moltissimi giovani parcheggiati all’università sino a trent’anni ed oltre. Spesso, senza nessuna giustificazione. Spesso, iscritti ad atenei lontani da casa, pesando sul bilancio familiare con affitti e spese quotidiane ben più elevati di un qualsiasi mutuo. Spesso, senza risultati tangibili, senza voglia, senza ambizione. Il futuro dell’Italia. Vedo imprenditori alla canna del gas. Vedo fallimenti continui, nel silenzio generale. Di questi, molti sono autentiche truffe, congegnate soltanto per poter lasciare a bocca asciutta i creditori, riaprendo poi con un altro nome e le stesse persone. Vedo lavoratori mandati a casa. Vedo riders di cinquant’anni in bicicletta sotto la pioggia, senza tutele. Vedo i prezzi delle utenze primarie alle stelle e nessuna, NESSUNA politica, da trent’anni, atta a superare il tremendo problema della dipendenza da altri Paesi. Vedo aziende missilistiche e farmaceutiche prosperare. E miliardari divenire ancor più miliardari. Vedo ribollire tensione sociale, depressione, scetticismo, indifferenza. Ciascuno si sveglia al mattino con l’unico desiderio di reperire denaro per campare. In qualsiasi modo. Non ci credo più, alla buona fede ed all’incompetenza. Buon primo maggio.


« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 0 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »

I testi, le immagini o i video pubblicati in questa pagina, laddove non facciano parte dei contenuti o del layout grafico gestiti direttamente da LaRecherche.it, sono da considerarsi pubblicati direttamente dall'autore AvvocatoD’Aiuto, dunque senza un filtro diretto della Redazione, che comunque esercita un controllo, ma qualcosa può sfuggire, pertanto, qualora si ravvisassero attribuzioni non corrette di Opere o violazioni del diritto d'autore si invita a contattare direttamente la Redazione a questa e-mail: redazione@larecherche.it, indicando chiaramente la questione e riportando il collegamento a questa medesima pagina. Si ringrazia per la collaborazione.

 

Di seguito trovi le ultime pubblicazioni dell'autore in questa sezione (max 10)
[se vuoi leggere di più vai alla pagina personale dell'autore »]

AvvocatoD’Aiuto, nella sezione Articolo, ha pubblicato anche:

:: [ Società ] La guerra, le cameriere, le badanti ed un paio di brutte per (Pubblicato il 26/02/2022 20:49:30 - visite: 103) »

:: [ Arte ] La memoria, Segrè e Benigni (Pubblicato il 29/01/2022 18:49:00 - visite: 94) »

:: [ Letteratura ] Quei post a infanti, conviventi e defunti (Pubblicato il 18/12/2021 13:29:46 - visite: 66) »

:: [ Società ] Le cose restano, noi ce ne andiamo. (Pubblicato il 07/11/2021 20:54:36 - visite: 163) »

:: [ Società ] Sono maschilista. Ma con giudizio. (Pubblicato il 27/10/2021 00:39:30 - visite: 135) »

:: [ Società ] La Palombelli ha toppato, evviva la Palombelli (Pubblicato il 18/09/2021 18:06:56 - visite: 432) »

:: [ Società ] La storia del pulcino rosso e del pulcino blu. (Pubblicato il 13/09/2021 13:57:37 - visite: 660) »

:: [ Sociologia ] Il (sottovalutatissimo), sollievo delle piccole cose. (Pubblicato il 01/09/2021 15:54:09 - visite: 542) »

:: [ Letteratura ] La bellezza è una panza villosa. (Pubblicato il 01/07/2021 11:42:45 - visite: 370) »

:: [ Letteratura ] No, vincere non è la sola cosa che conti. (Pubblicato il 18/06/2021 23:04:16 - visite: 416) »